Home

Tasse Universitarie e detrazioni: tutte quelle di cui puoi beneficiare| LA GUIDA

TASSE UNIVERSITARIE – Fonte:Redazione web

Guida alle detrazioni fiscali per studenti universitari: scopri il funzionamento e le possibilità di detrazione delle tasse universitarie.

Detrazione tasse universitarie

Le spese universitarie rappresentano i costi che gli studenti devono affrontare per frequentare un’istituzione accademica. Questi costi coprono una vasta gamma di spese legate alla fornitura di servizi educativi e risorse accademiche. Le tariffe possono variare considerevolmente da paese a paese e da istituto a istituto, soprattutto tra università pubbliche e private.

È possibile risparmiare sulle spese universitarie? Assolutamente sì, sfruttando le numerose borse di studio basate sul merito o sul reddito offerte dalle istituzioni.

Ma c’è anche un altro modo: approfittare delle detrazioni fiscali previste dalla legge. Scopri quali spese sono detraibili consultando la nostra guida dedicata alle tasse universitarie per ulteriori informazioni.

Tasse universitarie detraibili

È importante sapere che ogni studente ha il diritto di usufruire di una detrazione fiscale diretta del 19% sulle spese universitarie.

Università: in Italia primeggiano Milano, Roma e Bologna. In Sicilia crolla Unipa, stabili Unime e Unict

Ciò significa che, durante la dichiarazione dei redditi, è possibile recuperare una parte dei soldi spesi nell’anno, a condizione che tali spese non riguardino:

  • Libri scolastici e materiale didattico.
  • Trasporti.
  • Vitto e alloggio (a meno che lo studente non sia fuori sede con un alloggio distante almeno 100 chilometri dal comune di residenza).
  • Contributi pagati all’università pubblica per il riconoscimento di una laurea conseguita all’estero.

Invece, rientrano nella categoria delle “tasse universitarie detraibili” (indipendentemente dal fatto che lo studente sia o meno fuori corso) le seguenti spese:

  1. Rette per corsi di laurea triennale, magistrale e specialistica: Presentando la documentazione adeguata, come ricevute di pagamento e fatture, è possibile ottenere un rimborso del 19% sulle rate relative a un corso di studi universitario sostenuto in Italia. Si applica il principio di cassa, il che significa che la data in cui la spesa è stata sostenuta costituisce il punto di riferimento.
  2. Test d’ingresso: Le spese relative alle prove d’accesso rientrano in questa categoria, a condizione che riguardino corsi a numero chiuso in cui il superamento del test d’ingresso sia assolutamente necessario per l’iscrizione.

Spesa massima detraibile

Elenco delle spese massime detraibili per singolo corso di laurea e area geografica, basato sul decreto MIUR pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 febbraio 2021:

Spese massime detraibili per singolo corso di laurea:

  • Area geografica Nord
    • MEDICA 3.700 €
      SANITARIA 2.600 €
      SCIENTIFICA TECNOLOGICA 3.500 €
      UMANISTICO SOCIALE 2.800 €
  • Area geografica Centro
    • MEDICA 2.900 €
      SANITARIA 2.200 €
      SCIENTIFICA TECNOLOGICA 2.400 €
      UMANISTICO SOCIALE 2.300 €
  • Area geografica Sud e Isole
    • MEDICA 1.800 €
      SANITARIA 1.600 €
      SCIENTIFICA TECNOLOGICA 1.600 €
      UMANISTICO SOCIALE 1.500 €

Spese massime detraibili per i corsi post-lauream:

  • Area geografica NORD: 3.700 €
  • Area geografica CENTRO: 2.900 €
  • Area geografica SUD E ISOLE: 2.800 €

Università. Il software in grado di scoprire se la tesi di laurea è stata copiata

Quali sono le tasse universitarie

Ogni studente è tenuto a pagare sia le tasse che i contributi universitari. Per quanto riguarda i contributi, è necessario fare riferimento al Regolamento che disciplina la materia dei contributi universitari. Tale regolamento stabilisce che i contributi da pagare sono determinati autonomamente dalle singole università.

Tassa regionale: Ogni ateneo riscuote la tassa regionale per conto della regione di appartenenza.

Bollo: Insieme alla domanda di immatricolazione o iscrizione, è necessario pagare un bollo il cui importo è stabilito dalle segreterie.

Prima rata: La prima rata prevede il pagamento dello stesso importo per tutti gli studenti iscritti alla stessa facoltà dello stesso ateneo. Tuttavia, fanno eccezione i beneficiari delle borse di studio e gli studenti il cui ISEE richiede un pagamento inferiore rispetto all’importo della prima rata.

Seconda e terza rata: L’importo della seconda rata corrisponde alla differenza tra il totale delle tasse universitarie dovute e l’importo pagato con la prima rata, quindi varia in base all’ISEE. Alcuni atenei prevedono anche una terza rata, suddividendo ulteriormente l’importo da pagare.

Università: per evitare di fare i test ecco le facoltà a numero aperto

Unipa, Ecco il bando per Viaggi e Soggiorni di Studio

Condividi

AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web Younipa.it , alla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram.

Concorsi pubblici: Tutti i bandi attivi al momento Ricevi sul canale Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia.

NEWS LE NEWS PIU IMPORTANTI Per non perderti tutte le news più importanti raccolte in un unico canale Telegram. Cronaca, politica, sport, cultura, eventi e tanto altro ancora.

GOSSIP: IL nostro canale Telegram dedicato al mondo del gossip Qui per il Gossip

Post correlati


A proposito dell'autore