Home

Ultim’ora: Sicilia, l’Assessore alla salute Razza si dimette – “Ho chiesto al presidente Musumeci di accettare le mie dimissioni”.

Così l’assessore regionale alla Salute in Sicilia, Ruggero Razza, indagato dalla Procura di Trapani nell’inchiesta sulla presunta trasmissione di dati falsi all’Iss per alterare le informazioni sul Covid.


Leggi anche: AstraZeneca cambia nome in Europa e nel bugiardino spuntano i rischi da trombosi



“Per sottrarre il governo da inevitabili polemiche ho chiesto al presidente della Regione di accettare le mie dimissioni”, dice Razza.

E aggiunge: “Alla luce della indagine della Procura di Trapani che mi vede indagato, nel confermare il massimo rispetto per la magistratura, desidero ribadire che in Sicilia l’epidemia è sempre stata monitorata con cura”

“Alla luce della indagine della Procura di Trapani che mi vede indagato, nel confermare il massimo rispetto per la magistratura, desidero ribadire che in Sicilia l’epidemia è sempre stata monitorata con cura, come evidenzia ogni elemento oggettivo, a partire dalla occupazione ospedaliera e dalla tempestività di decisioni che, nella nostra Regione, sono sempre state anticipatorie.

Non avevamo bisogno di nascondere contagiati o di abbassare l’impatto epidemiologico, perché proprio noi abbiamo spesso anticipato le decisioni di Roma e adottato provvedimenti più severi”

Lo dice l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza che ha, però, preso la decisione di lasciare l’incarico dopo lo scandalo nonostante il governatore questa mattina in diretta tv nazionale gli avesse confermato la sua fiducia e avesse tentato di difendere l’operato del governo proprio in materia di dati Covid19.


Leggi anche: Come quando fuori c’era la peste, il cartello choc: “Attenzione, ci sono positivi nel condominio!”


“I fatti che vengono individuati, dice Razza, si riferiscono essenzialmente al trasferimento materiale dei dati sulla piattaforma che sono stati riportati in coerenza con l’andamento reale dell’epidemia, tenuto conto della circostanza che sovente essi si riferivano a più giorni e non al solo giorno di comunicazione.

Come sempre, il fenomeno della lettura postuma delle captazioni può contribuire a costruire una diversa ipotesi che, correttamente, verrà approfondita dell’autorità giudiziaria competente individuata dal Gip.

Ma deve essere chiaro che ogni soggetto con l’infezione è stato registrato nominativamente dal sistema e nessun dato di qualsivoglia natura è mai stato artatamente modificato per nascondere la verità.

Ciò nonostante, soprattutto nel tempo della pandemia, le istituzioni devono essere al riparo da ogni sospetto.

Leggi anche:

AstraZeneca: “Sono scienziati o politici?”, bomba da Gilietti contro Aifa

Decreto Sostegni, da oggi le domande per i contributi a fondo perduto: come richiedere il bonus e a quanto ammonta

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata