Home

Il Ministero dell’Istruzione, tramite l’Usr del Lazio, ha chiesto un approfondimento sul caso scoppiato al liceo Socrate di Roma, in cui la vicepreside avrebbe invitato le alunne a non indossare abiti succinti (minigonne, ecc.), perché “ai professori gli cade l’occhio”.

I banchi infatti sono stati tolti per rispettare il distanziamento e si è in attesa dell’arrivo di quelli monoposto ma le gonne troppo corte, secondo la docente, attirerebbero gli sguardi dei professori e dei compagni di sesso maschile.


Leggi anche: Bonus PC, tablet e Internet: in arrivo i voucher da 500 euro


Alla presunta richiesta della vicepreside, è seguita la protesta delle studentesse e oggi si sono presentate in massa in minigonna ed hanno affisso cartelli di denuncia contro il sessismo.

“Non è colpa nostra se gli cade l’occhio #stopallaviolenzadigenere”, si legge su un cartello appeso tra i corridoi, la foto del cartello ha fatto il giro del web.

Le parole del Presidente Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli

“E’ ovvio che le studentesse e gli studenti debbano frequentare le lezioni con un abbigliamento decoroso, in segno di rispetto verso l’Istituzione che la scuola rappresenta e verso sé stessi.

Non è però condivisibile che la motivazione posta alla base di tale doverosa condotta faccia riferimento a un ipotetico e deprecabile voyeurismo dei docenti (uomini). 

Docenti che, peraltro, svolgono un importante ruolo educativo”. Lo dice il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli.


Leggi anche: Come funziona il Bonus Bancomat: 300 euro per chi paga con carte


“Si deve evitare – spiega il dirigente sindacale – che, a causa di un evidente e marginale incidente comunicativo, la categoria dei docenti sia percepita dall’opinione pubblica in maniera distorta e degradata e che il liceo Socrate venga erroneamente rappresentato come presidio di una cultura oscurantista.

L’episodio dimostra, una volta di più, quanto sia fondamentale utilizzare le parole correttamente e consapevolmente”.


Leggi anche:

Sicilia, non è una Regione per giovani

Scuola. Cosa succede se un bambino ha un colpo di tosse

Anna Grassellino, la scienziata siciliana che costruirà il più potente calcolatore al mondo

Palermo. Il Video della Sposa colpita dalle fiamme durante il flambé di benvenuto

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata