Home

Arriva l’esito tampone via mail, ma il tampone non era stato ancor afatto dal destinatario. E’ successo a Palermo, ad una ragazza di 16 anni che si era registrata per effettuare il test rapido in Fiera. Ha ricevuto via mail l’esito del tampone, ma lei il test rapido non lo aveva ancora fatto. I genitori della ragazza l’avevano registrata per effettuare il test, in vista del rientro a scuola imminente.

Le dichiarazioni del commissario Costa

Il Commisario straordinario Renato Costa, minimizza sull’accaduto. Raggiunto da PalermoToday dichiara: “Qualcuno degli operatori potrebbe avere sbagliato a digitare il numero della prenotazione inserendo quello di un’altra persona. E’ un errore che può succedere, ci sarà stato un solo caso. Statisticamente può capitare volta ogni 5 mila tamponi”.

Il risultato del test “immaginario” che è stato inviato alla persona sbagliata, era negativo. Quelli positivi non vengono inviati via mail, spiega il commissario Costa: “I positivi al test antigenico seguono un altro percorso e vengono accompagnati dai volontari nella postazione in cui sottoporsi al test molecolare. Non dobbiamo sottovalutare però il vantaggio di avere una procedura grazie alla quale si evitano i contatti, in maniera tale da escludere la trasmissione del virus con oggetti toccati dagli operatori, de dalle persone che fanno il tampone”.

Ma i genitori della ragazzina adesso non si fidano più e faranno eseguire il test alla ragazza, privatamente. A PalermoToday dichiarano: “Pur credendo nella buonafede del lavoro svolto, non ci fidiamo più e preferiamo farlo privatamente”.

Da qualche settimana l’Asp ha istituito un portale in cui possono registrarsi e prenotarsi per il tampone, docenti, alunni, personale tecnico e amministrativo delle scuole. Il tutto per facilitare l’attività di screening per alunni e operatori scolastici della scuola secondaria di primo e secondo grado. La registrazione al portale, genera un QR code che da diritto ad una fila preferenziale per effettuare il tampone al drive-in della Fiera.

In Sicilia quotidianamente vengono effettuati circa 25 mila tamponi. Una mole di lavoro non indifferente per il personale addetto. Sicuramente l’errore è umano con una mole di test così grande. L’importante è rimediare e non creare danni. Tra le tante problematiche spinose di questo periodo, certo una mail sbagliata si può anche perdonare. Purtroppo, abbiamo cose più gravi di cui preoccuparci.


Leggi anche:


“I mie nonni sono morti, non sono tornata per capriccio.”

Al via a Palermo il ”tampone sospeso” per i più bisognosi. Ecco chi potrà fare il test Gratis


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata