Le Università telematiche sono percorsi universitari riconosciuti che si svolgono interamente online, dalle lezioni, al tutoring.

Sono una realtà che in Italia non è stata molto diffusa e alcune volte quasi snobbata. In altri paesi, invece, sono molto conosciute e apprezzate, ne sono un esempio la Spagna, l’Inghilterra e gli Stati Uniti. Probabilmente questo avviene perché abbiamo un’idea ancora molto tradizionale di percorso universitario.

PRO

1. Puoi seguire le lezioni ovunque e quando vuoi

Questo credo sia uno dei pregi che più invoglia le persone ad iscriversi alle università online. Immagina di poter seguire le lezioni a casa tua, in biblioteca, in casa di un amico, nella casa al mare. Hai massima libertà di organizzazione. Non sei obbligato a svegliarti presto la mattina, a prendere mezzi di trasporto. Insomma, non hai vincoli.

2. Lezioni sempre presenti

Tutte le video lezioni saranno sempre con te. Se i tuoi appunti avranno delle parti poco chiare potrai tornarci su e correggerli. Sembra banale, ma in realtà non è affatto così. Non so cosa avrei dato per poter riascoltare le parole dei miei professori, dato che molti non permettevano nemmeno di portare il registratore.

3. Tutor e gruppi Facebook

La maggior parte delle università telematiche fornisce dei servizi di tutoring ai propri studenti, senza contare che i professori sono molto disposti ad aiutare e togliere dubbi su ogni argomento per mail. Si parte infatti dal presupposto che l’unico modo per comunicare sia tramite il web, quindi non ci sarà bisogno di rincorrere il professore di turno da una lezione all’altra per chiedergli un’informazione perché è da una settimana che si dimentica di guardare le mail.

I gruppi facebook dedicati al tuo corso poi ti faciliteranno nell’apprendimento, potrai confrontarti con i tuoi compagni, scambiarti appunti e esercizi.

4. Favoriscono l’apprendimento costante

Se stai lavorando, viaggiando o facendo una qualsiasi attività che impiega la maggior parte del tempo delle tue giornate ma allo stesso tempo vorresti laurearti, le università telematiche fanno al caso tuo! Ti permettono di seguire il tuo lavoro e occuparti dello studio nei momenti liberi oppure la sera. Questo significa che sarà molto più facile non smettere mai di imparare. Frequentare un’università tradizionale spesso non ci permette anche di avere un lavoro full time; rischiamo di saltare le lezioni, spendere ulteriori soldi per comprare gli appunti da chi ha frequentato, avere programmi d’esame più corposi perché non frequentanti, dover saltare appelli perché in quei giorni lavorate (leggi anche l’ articolo sui lavoretti da fare durante l’università). Insomma, sono molteplici le problematiche in cui il lavoratore incorre se vuole iscriversi ad un’università. Qual è il risultato? Semplice, si abbandona lo studio. Le università online permettono di prendere lo studio con più calma e mantenerlo più costante.

Bene, dopo questa lista le università telematiche sembrerebbero una manna dal cielo. Ci sono in realtà degli aspetti negativi che però possono facilmente essere risolti.

CONTRO

1. L’età

I frequentanti sono spesso over 40, questo significa che trovare dei coetanei giovani sarà più difficile, complice anche il numero di iscritti. Come visto prima, le università telematiche non sono molto popolari in Italia, questo fa si che ci siano meno possibilità di conoscere ragazzi nella tua stessa situazione.

2. L’ambiente

Frequentare un’università telematica significa anche che difficilmente incontrerete i vostri compagni, dunque difficilmente si creerà un gruppo di persone interessate alle stesse tematiche. Spesso un gruppo di ragazzi con i nostri stessi interessi e i nostri stessi obiettivi ci può aiutare a rimanere concentrati, ad avere la carica. Ci si motiva a vicenda, si passano più ore a studiare una determinata materia e si migliora più in fretta. L’ambiente è importantissimo e purtroppo è difficile creare un gruppo quando si studia online. Ovviamente la soluzione è quella di creare gruppi e sottogruppi su Facebook e altri social, magari fare delle chiamate skype a cadenza mensile.

3. Le rette

Il punto dolente sono le tasse che spesso si aggirano attorno ai 2000 euro, ovvero più o meno la tassa massima di un’università pubblica. I costi sono elevati, non c’è niente da fare se non guardare il lato positivo: risparmierete sui mezzi di trasporto e sugli affitti, specialmente se avreste dovuto iscrivervi ad un’università in un’altra città e quindi pagare anche l’affitto. Il costo potrebbe anche essere ammortizzato da vari lavoretti che potreste svolgere.

4. Troppa libertà

Prima abbiamo parlato di come le università telematiche offrano la completa libertà nella gestione del proprio tempo. Se da una parte, infatti, potersi organizzare liberamente sia un aspetto positivo, dall’altra però richiede un grado di impegno nettamente maggiore. Il rischio è quello di ritrovarsi senza una vera e propria organizzazione e quindi perdersi in un bicchiere d’acqua. Quando abbiamo troppa libertà di decisione finisce che non facciamo più nulla se non abbiamo un piano preciso e rigoroso da applicare. E’ necessario, quindi, avere una certa forza di volontà per dire “basta, adesso mi guardo almeno 3 lezioni” anche quando potremmo fare tutt’altro.

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata