Home

E’ proprio vero che c’è un’arma più forte di tutte le altre, in ogni situazione: è l’ironia. E’ stata proprio l’ironia a guidare la simpatica trovata delle assistenti sanitaria del Policlinico di Bari, che smontano le fake news sul vaccino anti Covid-19 in un video su Tik Tok.

Hanno voluto utilizzare uno strumento comprensibile ai ragazzi. E così, un gruppo di assistenti sanitarie impegnate nel laboratorio Covid-19 del Policlinico di Bari, ha deciso di raccontare la propria esperienza sui social.

Un video carino, leggero ma che porta con se un messaggio molto importante. Giocando con l’umorismo, anche per smorzare la tensione lavorativa.

Leggi anche: Covid. Ecco quando fa effetto il vaccino.

Il video pubblicato su Instagram e TikTok (sul canale “Vita da as”) dalle giovani professioniste, è una risposta divertita ma allo stesso tempo fondamentale nella sua utilità a quanti complottano sulla natura del vaccino.

Alla massa poco pensante di persone che credono basti un’iniezione per inserire nel corpo microchip non meglio specificati, 5G e quant’altro, le assistenti sanitarie replicano con motivetti ironici e balletti. Fanno battute che screditano luoghi comuni e improvvisano coreografie.

È il linguaggio dei ragazzi, il inguaggio che passa attraverso i social, che oggi forse è quello più efficace. Ed è un linguaggio che le protagoniste del vieo conoscono bene per questioni anagrafiche.

Il video fa in brevissimo tempo il giro dei social. E arriva anche alla dottoressa Maria Chironna, responsabile del laboratorio di Epidemiologia molecolare del Policlinico di Bari, che commenta così sul suo profilo Facebook: “Millennials in azione! Usano i social e forse possono arrivare con ironia e allegria lì dove i bravissimi comunicatori un po’ âgé potrebbero non arrivare”.

Bene a queste assistenti-influencer! E speriamo che influenzino davvero il pensiero di molto coetanei obnubilati da teorie complottiste e prive di fondamento.

Ecco il video… Condividiamolo tutti!


Potrebbe interessarti:

Palermo. Invadono (senza mascherina) il reparto Covid e aggrediscono sanitari e forze dell’ordine, denunciati

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata