Home


Uno sfregio al volto con il quale dovrà convivere con tutta la vita. È stato questo l’altissimo prezzo pagato da un rider 21enne che nella serata di sabato in via Locchi, a Verona, ha difeso una sua conoscente dall’aggressione di un minore. Michele Dal Forno, il giovane rider, è stato colpito con una coltellata in pieno viso che gli ha provocato uno squarcio dalla narice fino all’orecchio. L’aggressore è stato accusato di lesioni gravissime, aggravate dai futili motivi alla base del gesto, nonché dal danno causato alla vittima. 


Leggi anche: Volontariato al Sud, bando da 3,5 milioni: come e dove presentare richiesta


Determinanti le segnalazioni di alcuni passanti che hanno portato sul posto gli agenti delle Volanti, che in brevissimo tempo sarebbero riusciti a rintracciare l’aggressore già denunciato dalla Polizia per episodi della medesima natura commessi nell’ultimo anno. Le indagini svolte sul momento, avrebbero permesso agli uomini della Questura di ricostruire la dinamica. Intorno alle 20.30, il sedicenne in compagnia di un amico avrebbe incontrato una coetanea con la quale avrebbe avuto un’accesa discussione.

Proprio in quel frangente, il 21enne passava dalla zona in motorino per effettuare delle consegne a domicilio. Avendo notato la giovane, sua conoscente, e temendo si trovasse in difficoltà, il rider si sarebbe fermato e le avrebbe offerto il proprio aiuto. A quel punto il rider sarebbe stato raggiunto dai due adolescenti, uno dei quali lo avrebbe aggredito con il coltello colpendolo al volto con un fendente. Il presunto responsabile è stato associato, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Venezia, al C.P.I.A. di Treviso.

Leggi anche:

Malore in tv per Giletti a “Non è L’Arena”, suda visibilmente ma continua a condurre – IL VIDEO

Tampone al kiwi positivo al Covid, com’è possibile? Il medico Amici sconcerta Giletti

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata