Home

“A volte le festività sono l’occasione per dedicare più tempo alle persone più disastrate, fragili, incomprese”. Racconta così sui social il suo gesto benefico il giovane palermitano Valerio Riccobono, che per il secondo anno consecutivo ha deciso di regalare un sorriso a chi soffre il freddo e la fame durante le festività natalizie.

Per questo anche quest’anno ho scelto la solidarietà, girando per le strade di Palermo donando alimenti e indumenti caldi a molti senza dimora di Palermo“. Per Valerio l’emozione è sempre la stessa. “È stato emozionate, i loro sorrisi, i loro sguardi, i loro ringraziamenti venivano dal profondo del loro cuore”.

“Per questo invito tutti voi a pensare un po’ di più al prossimo, perché in questo mondo siamo tutti di passaggio”. Inoltre questa volta il giovane palermitano ha anche dato il proprio supporto agli ospedali palermitani. “Quest’anno ho voluto anche regalare dei pensierini ai bambini del reparto di oncologia”.


Leggi anche: La storia di Valerio: il 16enne che fa beneficenza ai più bisognosi


Cibo e coperte a Natale, il gesto di Valerio

“Bimbi ricoverati perché la vita li ha già messi in difficoltà mettendoli davanti al più grande ostacolo della vita, quello più difficile, quello che noi tutti non vorremo mai affrontare, quello di sopravvivere, davanti a qualcosa di così difficile è davvero duro reagire positivamente credendo che la vita con loro potrà scusarsi e diventare più buona, ma non è sempre così”.

“Ringrazio davvero a tutti coloro che hanno partecipato a queste mie iniziative donando alimenti, indumenti e qualche soldino che sono stati usati per acquistare i pensierini per i bimbi. Grazie grazie grazie”.

Qui i video di Valerio


Leggi anche:

Palermo, in arrivo la perturbazione dopo Natale: le previsioni


Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata