Home

Dove trovare i più buoni panettoni artigianali in Sicilia. Va bene, sarà anche un dolce di tradizione milanese e lombarda, ma il panettone artigianale è prodotto anche in Sicilia con risultati –  in termini di gusto – veramente impareggiabili. Con o senza canditi, farcito al cioccolato o al pistacchio, il panettone è da svariati decenni protagonista delle cene e dei pranzi natalizi anche in Sicilia.

Ecco per voi i cinque più buoni panettoni artigianali prodotti nella nostra regione.

Pasticceria Freni, Messina

la Pasticceria di Lillo Freni sorge a Messina e delizia il vicinato con profumi dolci e vanigliati ad ogni ora del giorno. Nei laboratori si produce uno dei panettoni artigianali più richiesti durante le feste natalizie proprio perché racchiude in sé una mistura unica di materie prime di grandissima qualità. Il panettone più venduto dall’azienda è realizzato con pasta madre propria ed è un grande valore aggiunto dato che Lillo Freni aderisce al progetto Figli di Pasta Madre che tutela questo lievito in Sicilia. Il progetto è un consorzio di tutela molto rinomato. Il panettone più gustoso di Lillo Freni è quello alla crema di vino: esso, infatti, viene ottenuto con tre dei più importanti vini DOC di Messina tra cui figurano Malvasia delle Lipari, Mamertino e Faro.

Pasticceria Palazzolo, Cinisi (PA)

A Cinisi la Pasticceria Palazzolo ha un motto con cui porta avanti la propria tradizione dolciaria. Lo slogan che tiene viva l’arte di questa pasticceria in provincia di Palermo è “Con la dolcezza di ottiene tutto” ed è la missione grazia alla quale la stessa ha ricevuto numerosi riconoscimenti culinari nazionali ed internazionali. La pasticceria è famosa per la produzione di ben sei diverse varianti del panettone tradizionale che consigliamo vivamente di assaggiare. Quello più tipico è “Il Siciliano”, un panettone a base di cioccolato fondente, pistacchi di Bronte, canditi e mandorle di Avola. Una vera delizia per il palato!

Il Moro, l’osteria Trapani

Cosa c’entra un’osteria con il panettone artigianale siciliano? Ebbene in questo posto lavora un grande chef assieme a suo fratello ed entrambi condividono una passione per la cucina siciliana tradizionale. Stiamo parlando di Enzo e Nicola Brandi, due imprenditori della gastronomia siciliana che hanno dato vita al panettone tradizionale a base di miele di agrumi di ape nera sicula e arance candite a mano. Il panettone è arricchito anche di idromele del posto, uva passa dello zibibbo di Pantelleria, latte fresco e uova di gallina locale rigorosamente allevate a terra. In più, è caratterizzato da una nota di sale delle saline di Trapani per suggellare il dolce con il tocco finale di gran classe che tutti dovrebbero gustare almeno una volta nella vita.

Fiasconaro, Castelbuono (PA)

Nel centro storico di questo grazioso borgo sorge la pasticceria Fiasconaro diretta dai figli del fondatore Mario. Qui si producono dolci e lievitati davvero unici al mondo, tant’è che oggi l’azienda è una realtà consolidata che esporta anche fuori dall’Italia. Di questa pasticceria sono vendutissimi l’Oro Verde e l’Oro Bianco: l’Oro Verde è uno dei grandi classici di Fiasconaro ed è un lievitato a base di pistacchio siciliano realizzato con lievito madre naturale, miele, uova fresche e vaniglia bourbon. Oro Verde è un panettone morbido e gonfio glassato con cioccolato bianco su cui sono incastonati grandi pistacchi interi. Oro Bianco è un panettone al gusto di cioccolato bianco e mandorle di Sicilia. Si ottiene con un impasto a lentissima lievitazione ed è impreziosito da una glassa che si scioglie in bocca. Il panettone è corredato da un vasetto di crema di mandorle da spalmare su ogni fetta. Un vero tocco di glasse che vale la pena di assaggiare.

Pasticceria Sciampagna, Palermo

A Palermo il pluripremiato maestro pasticcere Carmelo Sciampagna, allievo di Igino Massari, ha appena inaugurato la tanto attesa boutique in centro città. La sua offerta prevede quattro tipi di panettone: Tradizionale, Pan frutta, Siciliano e Cioccolato, tutti realizzati con lievito madre. Grazie alla lievitazione di due giorni a bassa temperatura, il prodotto non si sforza e così i panettoni possono durare un po’ di più, fino a un mese e mezzo. Per farvi capire, è come se una persona dovesse percorrere 10km a piedi: se li fa correndo suda e si fermerà prima di finirli, se invece cammina li farà tutti senza stancarsi. Se il panettone lievita a quasi trenta gradi perderà invece molta umidità e durerà molto meno.

Pasticceria Le Cuspidi, Raffadali (Agrigento)

Le Cuspidi è una azienda familiare artigianale specializzata nella produzione dolciaria tipica siciliana fondata nel 1960 a Raffadali, nell’entroterra agrigentino, da Salvatore Nocera e Girolamo Vizzì. Le Cuspidi è un’azienda che affonda le proprie radici in una passione che attraversa ben cinque generazioni. La qualità degli ingredienti, la scrupolosa cura nel processo produttivo, le antiche ricette e la costante innovazione, hanno fatto sì che i nostri dolci ottenessero negli anni sempre maggiori consensi, perchè la pasticceria non è soltanto un lavoro, ma la dolce ragione di una vita.

Pasticceria Di Stefano, Raffadali (Agrigento)

Un’altra pasticceria, più giovane, ma sempre raffadalese DOC è la Di Stefano. Fondata nel 1986 sforna dolci e salati deliziosi. Tutto nasce da un sogno fatto dal fondatore Paolo Di Stefano e supportato da tutto lo staff di mastri pasticceri e cuochi che instancabilmente preparano, sperimentano, cucinano, sfornano squisitezze quotidiane.
La Pasticceria Di Stefano offre inoltre un vasto assortimento di creme e linee di prodotti a base di nocciole, mandorle e pistacchio per golose pause di bontà a colazione, dopo pranzo o per un’energica e deliziosa merenda.

Leggi anche:

Una nuova ondata a gennaio? Le parole di Musumeci

Maradona. La classifica dei 10 gol più belli

Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Paolo La Scala

Paolo La Scala, classe 1988, palermitano un po' alla torinese e un po' alla romana. Laureato in storia contemporanea, ricercatore storico, polemista, libero scrittore.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata