Home

Un imprenditore ha preso un volo da Roma verso Palermo per vaccinarsi. Non ha avuto esitazioni Giuseppe Nocchia, 64 anni, che alle 8 del mattino è partito da Fiumicino per partecipare all’Open weekend Astrazeneca che si sta svolgendo in Sicilia.

Alle 9 del mattino l’uomo d’affari è arrivato all’aereoporto di Palermo. Ha fatto un tampone rapido, risultato negativo. Due ore dopo, con il numero 148, Giuseppe Nocchia ha ricevuto la sua prima dose del vaccino AstraZeneca.

Appena fatta l’inoculazione, arrivano anche i ringraziamenti per le istituzioni siciliane. “Grazie all’iniziativa del Presidente Musumeci e dell’Assessorato alla Sanità oggi ho potuto ricevere il vaccino. Un’ ottima organizzazione” – dice poi Nocchia – “sono residente a Roma. Ma penso che sia un dovere politico e sanitario dare l’opportunità a tutti di vaccinarsi, e io di questa possibilità a Palermo ne ho usufruito ben volentieri”.


Leggi anche: “Open weekend” AstraZeneca in Sicilia da record, in un giorno somministrate 9812 dosi


Imprenditore vola da Roma a Palermo per vaccinarsi

Per arrivare in Sicilia l’imprenditore Nocchia ha comunque preso un piccolo rischio, ma dichiara: “L’ho fatto per me stesso e per il prossimo”. Qui tornerà il 5 Luglio per il richiamo. Inoltre si definisce soddisfatto di aver partecipato all’Open weekend Astrazeneca in Sicilia. Il progetto, promosso dalla Regione Siciliana, in un solo giorno ha inoculato 9812 dosi.

“Sono convinto che vaccinarsi sia avere la possibilità di riprendere una vita normale e spero che tutti comprendano quanto questo sia importante. Non avendo certezza di quanto tempo sarebbe ancora trascorso perché potessi vaccinarmi a Roma, ho saputo di questa iniziativa e sfruttato la giornata festiva per venire qui. Ho trovato un’ottima organizzazione e una splendida accoglienza” è il commento di Rocchia che in giornata ripartirà per Roma.


Leggi anche

Ficarra e Picone sbarcheranno su Netflix, per loro una serie tra le vie di Palermo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata