Home

Dal 23 aprile “Anna” avrà un’adattamento televisivo su Sky. L’omonimo romanzo del celebre scrittore Nicolò Ammaniti è totalmente ambientato in Sicilia. Non quella di Montalbano o del recente Makari, ma una sorta di isola apocalittica, devastata da una misteriosa pandemia. Dove solo i bambini sopravvivono. E i colori quasi tribali, macabri e spettrali si sentono già dal trailer.

Anna non racconterà di una pandemia dettata dal Covid-19, ma di una pandemia, sempre di stampo biologico, di cui pochissimo si conosce. Una predizione bella e buona quella di Ammaniti, sul romanzo uscito nel lontano 2015. Ad interpretare la protagonista per la produzione Sky sarà una giovanissima attrice palermitana: Giulia Dragotto.

Anna, la serie tv di Ammaniti

Durante questa apocalisse pandemica in Sicilia, solo i bambini riescono ad essere immuni. Almeno fino allo schioccare del 14esimo compleanno, quando l’essere umano diventa potenziale vittima. Anna, come vuole ogni storia d’avventura, è cocciuta, coraggiosa, pronta a battersi per i suoi diritti e quelli degli altri. Il suo obiettivo sarà quello di ritrovare suo fratello Astor, scomparso senza che nessuno ne sapesse nulla. Proprio a causa di questa ricerca Anna si scontrerà con la sua crescita e con le insidie di una Sicilia mai vista.

La serie Anna di Nicolò Ammaniti andrà in onda su Sky e su NOW TV dal 23 aprile. Sarà composta da sei puntate e si va ad inserire ad un progetto di alta qualità voluto da Sky, che quest’anno, oltre ad Anna, propone anche Speravo de morì prima (la serie basata sulla vita di Francesco Totti).

Il trailer di Anna

Qui un trailer sulla serie di Nicolò Ammaniti ispirata al suo omonimo libro:


Leggi anche

Studentessa escort: “Non è prostituzione, guadagno fino a 6 mila euro al mese per pagarmi l’università”

Oggi è il primo giorno di primavera: ecco perchè è il 20 marzo e non il 21


Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata