Home

Nel mese dedicato al Pride e alla lotta per i diritti LGBTQ+, Capitan America, iconico super eroe del gruppo Marvel, diventa gay. E lo fa indossando i panni di Aaron Fischer. Un adolescente in grado rappresentare “gli oppressi e dimenticati”, raccogliendo il leggendario scudo dell’eroe statunitense in difesa della sua comunità.

Il nuovo fumetto Marvel con un inedito Capitan America

La Marvel celebra gli 80 anni del mitico Capitan America con il lancio di una nuova serie a fumetti. Il titolo: ‘The United States of Captain America’, in cui il Capitano statunitense, Steve Rogers, farà un lungo viaggio per gli States per ritrovare lo scudo che gli è stato rubato. Durante le sue ricerche, Steve incontrerà diversi personaggi, tutti differenti. Tra questi, Aaron Fischer: un adolescente gay che ha indossato il suo mantello e il suo scudo in difesa dell’intera comunità LGBTQ+, alla quale appartiene. Il fumetto a lui dedicato verrà pubblicato a giugno, mese dedicato al Pride.

Maltempo, freddo e neve in arrivo: allerta arancione in Sicilia

Aaron Fischer: il Capitan America gay

L’adolescente Aaron Fisher, pensato e creato da Josh Trujillo e dalla disegnatrice transgender Jan Bazaldua, ha capelli neri rasati da un lato, piercing sul viso e vistosi tatuaggi sulle braccia. “Aaron è ispirato dagli eroi della comunità queer: attivisti, leader e gente comune che spinge per una vita migliore”, dichiara il suo creatore Josh Trujillo. Augurandosi che tramite Aashon anche i bambini possano conoscere la teoria Gender grazie alle avventure dei loro supereroi preferiti. “Mentre lo disegnavo, ho pensato: ‘beh, Cap combatte contro esseri super potenti e salva il mondo quasi sempre, ma Aaron aiuta coloro che camminano da soli per strada con i problemi che devono affrontare ogni giorno’“, questo invece il commento della sua disegnatrice Bazaldua.

La Marvel e la politica LGBTQ+

Dobbiamo però fare una precisazione: Aaron Fischer non è il primo super eroe gay della Marvel Comic. Già negli anni ’90, infatti, il gruppo tentò di far approdare personaggi omosessuali nel mondo dei fumetti, ma i conservatori li obbligarono ad una censura chiedendo esplicitamente di inserire l’etichetta: “Solo per adulti”. Il primo super eroe gay della storia dei fumetti è Northstar, appartenente ai supereroi canadesi Alpha Flight, ideato da John Byrne. La sessualità del super eroe non venne però mai rivelata, fino a che non si giunse ad un lieto fine più di 20 anni dopo, quando Northstar sposò finalmente il suo compagno dando vita al primo matrimonio omosessuale della Marvel.

Leggi anche:

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Cristina Riggio

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata