Home

Arriverà tra poche ore l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che metterà fine alla zona arancione in Sicilia. Dopo più di due mesi, l’isola si prepara a rivedere la zona gialla, in concomitanza con l’inizio della stagione balneare.

Con i dati epidemiologici in netto miglioramento, la Sicilia ora ha un nuovo cruciale obiettivo: far decollare una campagna vaccinale che la vede ancora maglia nera d’Italia.

La Sicilia si prepara alla zona gialla: cosa si può fare da lunedì

Via libera ai ristoranti, pub, bar, gelateria, pasticceria con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto, il che non sarà più un problema considerata la bella stagione già arrivata nella nostra Isola.

L’apertura dei locali al chiuso, solo a pranzo, al momento è invece fissata dal decreto all’1 giugno. Senza limiti orari, infine, la ristorazione negli alberghi e nelle strutture ricettive. Riaprono i musei e sarà possibile assistere agli spettacoli in sale teatrali, sale da concerto, cinema, live club e in altri locali o spazi anche all’aperto. È obbligatoria la prenotazione dei posti a sedere e il rispetto di un metro di distanza tra gli spettatori (ad eccezione dei conviventi).

La capienza non può essere superiore al 50% di quella massima autorizzata e comunque non possono esserci più di mille spettatori all’aperto e 500 al chiuso. Si torna a fare qualsiasi tipo di sport all’aperto, anche di squadra e di contatto, ma senza poter utilizzare gli spogliatoi.

Riaprono le piscine all’aperto mentre per le palestre bisognerà aspettare l’1 giugno. Restano invece vietate tutte le attività in sale da ballo, discoteche e le feste private. Anche i lidi potranno aprire al pubblico con all’avvio della stagione balneare.

A Mondello sono iniziati i lavori per l’allestimento delle strutture e la società Italo-Belga, che gestisce buona parte del lungomare, ha cerchiato in rosso la data di lunedì 17 come inizio ufficiale della stagione.

Leggi anche

Covid, negli Usa stop all’uso di mascherine per i vaccinati: e in Italia?

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata