Home

La sua sfida era provare a mangiare più cibo tipico possibile con un solo euro a portata. Perché nel capoluogo siciliano per mangiare non serve tanto, basta solo essere pronti a riempirsi come un pozzo senza fine. Così lo youtuber romano Marcello Ascani, che al suo ascolto ha circa 600mila iscritti, ha deciso di raccontare la cucina siciliana.

Il titolo del video è “Cosa compro con 1 euro a Palermo“, con accanto al titolo la forma di un’arancina. Ad accompagnare il blogger il suo amico palermitano Roberto Ricotta. Il loro viaggio inizia da Ganci alle 11 di mattina. E il pezzo di rosticceria scelto è il “rollo con il wurstel”. Meglio dell’acqua gym per un risveglio energico. Poi i due sono andati da Nino il Ballerino a mangiare un panino con panelle e crocchè. Fino ad arrivare nel cuore del centro storico palermitano.


Leggi anche: Docente universitario anti green pass: “Se obbligatorio, mi dimetto e rinuncio ai soldi”


Lo youtuber Marcello Ascani fa il tour culinario a Palermo: “Qui, con 1 euro mangi tutto”- VIDEO

Nel suo tour culinario si immischia sia il dolce che il salato, toccando tutti i punti cult della città: da Mondello, al Capo, fino alla night life della Vucciria. Tra una portata da street food e l’altra, nel video di circa 10 minuti, è possibile assaporare i colori e i sapori di Palermo, con il solo uso dell’udito e la vista.

Il viaggio dei due amici Roberto e Marcello è durato un solo giorno. Una corsa inarrestabile che ha portato un non palermitano a fare un giro di Palermo per restarne affascinato. Il video al momento è in tendenza su Youtube ed è stato visto da quasi 100mila persone in un solo giorno. Uno degli utenti nei commenti scrive al blogger: “Un anno di palestra buttate in 12 ore. A Palermo i trigliceridi hanno la patente”. Quanta verità in sole 15 parole.


Leggi anche:

monopattini

Palermo, monopattini vietati nelle isole pedonali: parte la raccolta firme

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata