Home

Qualche giorno fa avevano deturpato una delle colonne esterne del Teatro con alcune scritte. Adesso i vandali, tutti minorenni, sono stati rintracciati dai carabinieri che sono sulle loro tracce.

Il loro vile gesto aveva indignato tutti quanti. Si sa, per i Palermitani (e non solo) il Teatro Massimo è un luogo sacro, intoccabile. Oltre al suo immenso valore culturale, infatti, da sempre il Teatro, con le sue alte colonne e la sua scenografica scalinata, rappresenta il simbolo della città di Palermo, gioiello prezioso da custodire. Lo stesso che, pochi giorni fa, una baby-gang ha oltraggiato.

Teatro Massimo: è caccia alla Baby-gang

L’indagine, partita dalla visione di alcune fotografie apparse sui social e dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza installate nell’area del teatro, ha consentito di individuare i responsabili. Si tratterebbe di 4 minorenni, due dei quali quasi 14enni. Scattata già la caccia ai giovanissimi responsabili.


Leggi anche: Palermo, Teatro Massimo imbrattato con scritte: caccia ai vandali


Le dichiarazioni del Sindaco Orlando

Esprimo grande apprezzamento ai carabinieri della Stazione Centro che in pochissimo tempo hanno individuato i responsabili degli atti vandalici ai danni del Teatro Massimo, patrimonio artistico non solo della cultura palermitana ma mondiali” dichiara il primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando, ringraziando i militari per il loro impegno. “Inoltre – continua il sindaco- faccio appello ai giovani palermitani affinché abbiano sempre cura della loro città. L’importante ruolo della scuola e delle famiglie nell’educazione dei ragazzi è fondamentale per trasmettere quei valori che stanno alla base del rispetto della comunità”.

Le pene previste

Il reato contestato ai vandali minorenni è il 639 del codice penale: “Deturpamento e Imbrattamento di cose altrui”. Poiché commesso su cose di interesse storico o artistico, comporta, qualora gli odierni indagati dovessero risultare colpevoli al termine dell’iter giudiziario, la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da mille a tremila euro.

“Viva Palermo e Santa Rosalia”: la storia della Santuzza

Palermo

Maltempo, Palermo si risveglia allagata: disagi al traffico in provincia

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata