Home

Nessun cambiamento in vista per i nuovi aspiranti medici: la Facoltà di Medicina rimarrà a numero chiuso. A ribadirlo, la ministra dell’Università e delle Ricerca, Maria Cristina Messa, nel corso di un intervento a Sassari.

Medicina a numero chiuso: le parole della ministra

Per il momento escludo l’eliminazione del numero chiuso per l’accesso alle Facoltà di Medicina“, ha dichiarato la ministra. “Lo scorso anno abbiamo avuto 70mila aspiranti per 14 mila posti disponibili, ospedali e atenei non sono in grado di assorbire 70 mila aspiranti, anche perché dobbiamo fare in modo che la qualità della formazione resti alta. È vero che la pandemia ha fatto emergere una mancanza di medici, ma si tratta di una carenza della presenza di medici sul territorio, non della presenza complessiva“. 


Leggi anche: Corsi a pagamento per entrare a Medicina, la Regione Siciliana revoca il patrocinio


“Valorizziamo i medici del nostro Paese”

Ha poi aggiunto: “Se noi guardiamo il numero di medici per abitante, l’Italia è fra le prime in Europa. Manca però la distribuzione corretta di questi medici, e quindi è un incrocio che Università, territori regioni e comuni devono fare. Il numero programmato degli studenti di Medicina è aumentato nel corso degli anni, siamo arrivati a più di 14mila partendo da circa 10mila. Adesso abbiamo sbloccato l’imbuto che c’era tra la laurea in medicina e la scuola di specializzazione, e ora arrivano 19mila borse di studio. Bisogna poi fare in modo – ha concluso la ministra- che i medici restino nel nostro Paese, cercando di dare loro una valorizzazione per quello che hanno studiato“.

Fonte: Ansa

Università, irregolarità al test di Medicina e gli avvocati corrono: “Si entra con i ricorsi”

Test di Medicina, Unipa piena di aspiranti camici bianchi: le domande più toste per gli studenti

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata