Home

L’ipotesi di una zona rossa per la Sicilia è sempre più drammaticamente vicina. La nostra Isola si sta pian piano tingendo di rosso, a causa dei focolai in molte cittadine che preoccupano molto. Altri sindaci in queste ore stanno richiedendo di diventare zona rossa, per le situazioni preoccupanti dei loro comuni.

Sicilia: La preoccupante situazione di Palermo e Provincia

In provincia di Palermo c’è massima allerta nei centri di Belmonte Mezzagno, Bolognetta, Gangi, Corleone, Carini e Bagheria ( dove ieri si è toccato il tetto dei 418 positivi).

Lo stesso Leoluca Orlando ha insistentemente invocato misure dure per Palermo, che con i suoi 582 nuovi contagi ieri è stato il comune siciliano più colpito.

I comuni blindati sono ora 10 in poco più di una settimana, gli ultimi in ordine cronologico sono Gela e Villarosa. Segno che gradatamente l’isola si sta tingendo di rosso. Cosa succederà dunque ai capoluoghi, tra cui Palermo, per i quali sono stare richieste maggiori restrizioni?

La Regione attende di conoscere fra oggi e domani le decisioni del governo nazionale e.

Ma stando così le cose appare certo è che la Sicilia si avvia verso la zona rossa. Si ache l’iniziativa venga presa dal governo nazionale sia che venga presa da quello regionale.

I dati del ministero della Salute fotografano sull’Isola una situazione sempre più allarmante, soprattutto per il tasso di positività molto sopra la media nazionale. L’impennata dei casi è dovuta soprattutto ai nuovi focolai, che aumentano in maniera esponienziale, di giorno in giorno.

La gravità della situazione speriamo possa portare alla prudenza e alla cautela di tutti i cittadini, che sono chiamati singolarmente e in gruppo, ad essere responsabili per il bene e la salute di tutti.

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata