Home

“Molte Università hanno già ricominciato con le lezioni in presenza, ma le aule sono ancora mezze vuote per mantenere il metro di distanza. Finché non abbiamo il 60 o 70% delle persone vaccinate queste misure di sicurezza vanno mantenute, ciò vuol dire che può essere occupata una sedia su 4”. Così la ministra dell’Università, Cristina Messa, a ‘The Breakfast Club’ su Radio Capital.

“Gli investimenti del Recovery Fund verranno utilizzati per garantire a tutti l’accesso all’Università – aggiunge – con nuove borse di studio e soprattutto ci saranno nuovi fondi per la ricerca. I corsi universitari dovranno essere più innovativi, i nostri ragazzi hanno grande successo all’estero ma dobbiamo guardare alle nuove sfide: transizione ecologica e transizione digitale richiedono nuove competenze rispetto a quelle del passato”.


Leggi anche: Il futuro dell’Università, parla il ministro Messa: “Più esenzioni dalle tasse e fondi”


“L’accesso all’Università oggi è solo in parte meritocratico. Come molti altri sistemi in Italia – spiega Messa – ci sono delle falle. Nel nostro paese la meritocrazia sembra quasi una brutta parola”. La ministra sulle scuole private e il caso Suarez commenta: “Le persone sbagliano, la cosa importante è non lasciarle passare. Non ci costituiremo parte civile, hanno già svolto tutte le indagini. Lasciamo che la magistratura vada avanti”.

Leggi anche:

Neanderthal

I resti di 9 uomini di Neanderthal scoperti dall’Università di Tor Vergata al Circeo

Università

Università, la ministra Messa contro i “baroni”: “Così elimineremo i concorsi farsa”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata