Home

Cos’è e come funziona il bonus 600 euro autonomi, partite IVA, co.co.co. e lavoratori stagionali del turismo, agricoltura e spettacolo.

Bonus 600 euro autonomi e partite IVA

Cos’è e come funziona il bonus 600 euro autonomi e partite IVA? Il Maxi Decreto Cura Italia, varato dal Governo per salvare l’economia italiana e il cui testo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 marzo presenta una importante misura di sostegno al reddito dei lavoratori autonomi, co.co.co. e dei lavoratori iscritti alla gestione separata con partita IVA, nonchè di alcune categorie di lavoratori dipendenti stagionali.

Con la sua ufficializzazione, si apprende che l’importo del bonus lavoratori autonomi è stato fissato in 600 euro (inizialmente previsto come contributo una tantum di 500 euro) e si potrà richiedere per ora solo per il mese di marzo (non mensilmente quindi). Probabilmente la misura sarà ripetuta anche per il mese di aprile, così come già annunciato dal Presidente del Consiglio e dal Ministro dell’Economia infatti vi saranno certamente ulteriori decreti simili per il sostegno all’economia, ma per ora non c’è nulla di ufficiale.

In attesa della pubblicazione della circolare INPS e dell’attivazione della procedura di richiesta telematica aggiorniamo questa guida con le ultime novità spiegate dall’Istituto con messaggio 1288 del 20 marzo scorso e del messaggio 1381 del 26 marzo (PIN INPS semplificato). Vediamo quindi nel dettaglio cosa prevede la misura e come fare ad accedervi.

Sommario

  • 1 Bonus 600 euro autonomi e partite IVA: come funziona
  • 2 Bonus 600 euro autonomi e partite IVA: a chi spetta
    • 2.1 Elenco beneficiari del bonus autonomi e partite IVA di 600 euro
    • 2.2 A chi non spetta il bonus di 600 euro
  • 3 Bonus 600 euro per il Coronavirus: come richiederlo
    • 3.1 PIN INPS semplificato

Bonus 600 euro autonomi e partite IVA: come funziona

Come detto in premessa non sarà più di 500 euro una tantum; a quanto sembra il Ministro per l’economia ha dovuto modificare questa parte di decreto a causa di una sorta di rivolta del popolo delle partite Iva, che costituisce la spina dorsale dell’economia italiana.

Quindi il nuovo bonus lavoratori autonomi:

  • sarà di 600 euro;
  • potrà essere richiesto direttamente all’INPS;
  • per il momento è prevista per il solo mese di marzo;
  • non ci sarà un click day per le domande;
  • le domande avranno una procedura semplificata (attiva probabilmente dal 31 marzo);
  • le indennità dovrebbero arrivare intorno al 15 aprile.

Nel Decreto Cura Italia Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18 si può leggere testualmente:

[…] è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro.

Lo ribadisce anche il messaggio INPS numero 1288 del 20 marzo.

Bonus 600 euro autonomi e partite IVA: a chi spetta

Il bonus 600 euro potrà essere richiesto da liberi professionisti titolari di partita IVA (attiva alla data del 23 febbraio 2020) e lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) attivi alla data del 23 febbraio 2020. Potrà quindi essere richiesto dagli iscritti alla Gestione separata INPS (art. 2, comma 26 Legge 335/1995), non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria.

Inoltre riguarda i lavoratori autonomi iscritti all’AGO INPS; per intenderci artigiani e commercianti che sono stati costretti alla chiusura parziale o totale delle proprie attività per contenere il diffondersi dell’epidemia da COVID-19.

Infine riguarda i lavoratori dipendenti stagionali di alcuni settori particolarmente colpiti dalla crisi (turismo e agricoltura) e i lavoratori dello spettacolo.

Elenco beneficiari del bonus autonomi e partite IVA di 600 euro

Riepilogando possono accedere al contributo:

  1. liberi professionisti con partita IVA (iscritti alla gestione separata INPS) e co.co.co. Sono compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo. Gli stessi non devono essere titolari di pensione e infine non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria;
  2. lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie;
  3. lavoratori dipendenti stagionali del turismo e degli stabilimenti termali che hanno perso il lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore della presente disposizione. Gli stessi non devono essere titolari di pensione o di altro rapporto di lavoro dipendente;
  4. i lavoratori del settore agricolo a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo;
  5. i lavoratori dello spettacolo ovvero che siano iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo. Questi devono avere almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo e un reddito (da questo lavoro) non superiore a 50.000 euro. Gli stessi non devono essere titolari di pensione e infine non possono essere titolari di rapporto di lavoro dipendente alla data di entrata in vigore della disposizione.

A chi non spetta il bonus di 600 euro

Restano quindi esclusi dal presente contributo i liberi professionisti iscritti alle casse obbligatorie (commercialisti, consulenti del lavoro, architetti, ingegneri ecc.).

Ci si aspetta comunque che anche le casse emaneranno apposite misure per far fronte alle emergenze delle singole categorie di appartenenza.

Bonus 600 euro per il Coronavirus: come richiederlo

Il limite di spesa fissato dal Governo per questa misura è di 1 miliardo e 800 milioni di euro ed è suddiviso in base alle varie categorie di lavoratori. Il bonus sarà erogato direttamente dall’Inps a coloro che ne hanno diritto, ma si dovrà presentare una apposita richiesta all’Istituto. L’Istituto successivamente verificherà i requisiti di chi ha presentato la domanda e successivamente verserà l’indennità.

La domanda può essere inviata esclusivamente in via telematica e con accesso diretto dell’interessato, oppure tramite ausilio di un patronato. Restano al momento esclusi gli altri intermediari abilitati quali Consulenti del Lavoro, Commercialisti ecc.

Per poter accedere i cittadini interessati devono essere in possesso:

  • PIN dispositivo;
  • CIE (carta d’identità elettronica 3.0);
  • CNS (carta nazionale dei servizi);
  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • PIN semplificato (come spiegato nel paragrafo seguente).

Le credenziali dovranno essere già abilitate per poter entrare, è bene quindi premunirsi per tempo per poter inviare al più presto la domanda quando la procedura sarà attiva. In ogni caso l’INPS ha comunicato che non vi sarà un click day, ma saranno accolte tutte le domande pervenute e in possesso dei requisiti previsti.

PIN INPS semplificato

L’INPS ha reso noto, con messaggio 1381 del 26 marzo, che è stata rilasciata una procedura di richiesta PIN Inps semplificato per la domanda di bonus 600 per lavoratori autonomi, partite IVA, stagionali (turismo e agricoltura) e lavoratori dello spettacolo.

Solo per tali richieste per accedere alla domanda basterà usare la prima parte di 8 caratteri del PIN che si riceve dall’INPS via email o SMS in pochi semplici passaggi.

Per approfondimenti: PIN Inps semplificato: come si richiede

Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.