Home

Nel web sono iniziate le investigazioni di un giallo senza risposte. Da parecchi giorni, ovvero da lunedì scorso, il Canale di Suez è stato bloccato a causa della nave cargo Mv Ever Given. E con il blocco del canale è arrivato il blocco totale dei trasporti marittimi, preoccupando la maggior parte di investitori del commercio e delle grandi industrie.

Proprio da poche ore sui social sono girate le foto della rotta fatta dalla nave cargo prima di arrivare al Canale di Suez. Da quello che offre il dispositivo gps sembrerebbe che le ultime mosse della Mv Ever Given siano “a forma di pene”. La rotta fallica, emersa sui social, ha creato ilarità, ma anche molta perplessità. Alcuni hanno deciso di chiamarla addirittura la rotta “a c**** di cane”, per fare una citazione colta alla Boris, la serie tv cult degli anni 2000.


Leggi anche: Covid e dati demografici in Italia, il drammatico bilancio


La rotta a forma di pene nel Canale di Suez

La scoperta del web, invece, dai media esteri è stata presa molto seriamente. Infatti il quotidiano tedesco Spiegel ha interrogato nel merito un portavoce della Bernhard Schulte Shipmanagement, che ha spiegato che “non è raro che le navi in ​​attesa di entrare non restino ferme ma si muovano nelle acque”.

Mentre alla domanda sul perché il modello di guida virtuale mostra chiaramente come la rotta riproduca l’apparato sessuale maschile, il portavoce ha risposto che questa è probabilmente “pura coincidenza“.

Per il cacciatore di bufale web John Scott-Railton sostiene che la rotta non era intenzionale. Inoltre la definisce su Twitter come “fortuita e innocente, ma terribile“. Una storia che sta immischiando paure economiche con ironie e meme social. Un evento che potrebbe cambiare la vita di molti, ma che allo stesso tempo sta facendo ridere. Come andrà a finire?


Leggi anche

Gli italiani vogliono tornare a viaggiare, Sicilia tra le mete preferite: la classifica dei luoghi più desiderati


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata