Home

Da ieri la lettera a cuore aperto e libera dello studente Domenico Portera sta rimbalzando sui social. Il suo titolo è “C’era una volta l’università”. Il giovane universitario, dopo un anno, riavvolge il nastro di cosa fosse la vita prima della pandemia.

Tra ricordi, anedotti e rituali, Domenico catapulta attraverso le sue parole il lettore a Viale delle Scienze, dove tutto è iniziato per molti.

“C’era una volta l’università. L’università delle corse per non fare tardi a lezione. L’università dei pranzi veloci seduti ai bar sovraffollati e delle pause caffè tra una risata e una lamentela. Quella delle aule studio dove ogni rumore corrispondeva a un’occhiataccia di qualcuno e quella del casino nei corridoi e nelle scale a qualunque ora. L’università degli esami impossibili per le lunghe attese nei corridoi, tra chi ride, chi si dispera e chi entra nell’ufficio del professore con il libro in mano pensando di poter ripassare fino all’ultimo secondo. Ma soprattutto c’era l’università delle lezioni in aula con professori e studenti, ognuno con la propria identità, che metteva in mostra se stesso, in modi e misure diversi. C’era l’università fatta di confronti faccia a faccia, di sguardi diretti e senza filtri. L’università delle relazioni sociali, quella che ti permette di crescere come persona e integrarti nel mondo sociale”.

Lo sfogo dello studente: “C’era una volta l’università”

Lo studente nella seconda parte del racconto si domanda cosa resta dello spirito universitario.

“Cosa è rimasto di quell’università? Chat online con tanti nomi insignificanti, senza volti o identità. Per quanto sia indiscutibile la comodità e l’utilità di questa nuova possibilità, non si può chiamare Università quella che concede di seguire le lezioni dal letto ancora in pigiama, quella in cui si è sempre da soli con uno schermo davanti, in cui non si parla e non si conosce nessuno, non ci si relaziona, non si coltiva nulla che possa farci crescere.L’Università è innanzitutto una comunità, e una comunità si basa su rapporti sociali che non esistono più.

Poi arriva l’appello finale: “Tutti fanno dei sacrifici, ma credo che dopo un anno (e adesso anche di più) si cominci a snaturare la vera essenza dell’Università, incapace di dare stimoli concreti. Io, da studente, sento di aver fatto e di continuare a fare sacrifici che nessuno sta provando minimamente a fare dall’altra parte. Sempre da studente, oggi, mi sento abbandonato e neanche minimamente valorizzato come risorsa per il futuro del mio Paese“. Il pensiero di Domenico è il pensiero di tanti, e non solo i social lo testimoniano.

Clicca qui per vedere il post dello studente


La Sicilia torna ad essere arancione, ma solo per l’Europa!

“Io dottorando escluso ingiustamente dalla campagna vaccinale di Unipa”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata