Home

Coronavirus – Se esposto alla luce solare il SARS-CoV-2 contenuto nelle goccioline di saliva e depositate su diversi materiali, viene inattivato dopo pochi minuti.

A sostenerlo è la ricerca pubblicata il 20 maggio 2020 dall’Università di Oxford sul Journal of Infectious Diseases dal titolo “Simulated Sunlight Rapidly Inactivates SARS-CoV-2 on Surfaces

Lo studio

Secondo quanto si legge nella prefazione, “recedenti studi hanno dimostrato che il virus della COVID-19 è stabile sulle superfici per lunghi periodi in ambienti interni”. In questo studio, invece, ricercatori hanno eseguito esperimenti “ricreando artificialmente la luce e la radiazione solare rappresentativa del solstizio d’estate a 40°N latitudine al livello del mare in una giornata limpida”. Ne è emerso che la luce simulata è in grado di inattivare in 6,8 minuti il 90% dei virus nella soluzione che imitava la saliva e in 14,3 minuti nei terreni di coltura. Si è verificata anche una significativa inattivazione, sebbene a una velocità inferiore, a livelli di luce solare simulati più bassi”.

“Il presente studio – si legge – fornisce la prima prova che la luce solare può inattivare rapidamente SARS-CoV-2 sulle superfici, suggerendo che la persistenza, e quindi il rischio di esposizione, possono variare significativamente tra ambienti interni ed esterni. Inoltre, questi dati indicano che la luce solare naturale può essere efficace come disinfettante per materiali non porosi contaminati. (adkronos)

Leggi anche:

Coronavirus. Il virologo Silvestri: “La grande ritirata del virus continua”

Coronavirus. “Nasce” all’ Università Catania il primo paziente virtuale per evitare test su animali

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata