Home

‘L’apertura non è a rischio. Abbiamo il dovere morale di riaprire tutte le nostre scuole, è una priorità del Paese e una priorità assoluta del governo”.

E’ quanto ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in un’intervista al Tg1 a proposito del nuovo anno scolastico.

“Certamente è un’operazione molto complessa, lavoriamo da settimane, ma siamo più pronti rispetto a quando la pandemia è scoppiata”. La mascherina, spiega la ministra Azzolina, “è uno strumento di protezione importante e noi ne distribuiremo 11 milioni al giorno in tutte le scuole.

Noi abbiamo fatto dei lavori nelle scuole: abbiamo allargato le aule, abbiamo cercato ulteriori spazi affinché là dove sia garantito il metro di distanziamento gli studenti, da seduti, possano abbassare la mascherina”.


Leggi anche: A scuola la mascherina andrà indossata sempre: si potrà togliere solo per le interrogazioni


”Quest’anno – aggiunge la ministra Azzolina – stiamo assumendo a tempo indeterminato fino a 100mila persone tra docenti e Ata, ulteriori 70mila a tempo determinato e abbiamo digitalizzato le procedure. Questo renderà tutto il sistema più veloce affinché a settembre si riparta”.

Responsabilità penale? ”I presidi non devono avere timore. Il parlamento e il Governo hanno lavorato a norme di sicurezza che permettono di evitare di avere dei rischi sulla responsabilità penale e civile, laddove ci fossero contagi sul luogo di lavoro”. (adkronos)

Leggi anche:

Bollettino Coronavirus: In Sicilia altri 37 positivi. In Italia boom di contagi e 6 morti

Ricciardi: “elezioni e scuola a rischio se il contagio aumenta”

Coronavirus. Nuovo focolaio nel palermitano, torna da Malta e contagia amici e parenti. 7 positivi e 20 casi sospetti

AGOSTO 2020. MIGLIAIA DI POSTI A BANDO: ECCO LE OPPORTUNITA’ E I CONCORSI ATTIVI AL MOMENTO

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata