Home

Tutto ciò che ruota attorno alla sessualità dell’essere umano subisce un’irrefrenabile attrazione verso la stupidità. Avete mai sentito di qualcuno che fa sess0 con intelligenza? Siete mai riusciti a resistere alla tentazione, parlando di sess0 in un gruppo più o meno ristretto di persone, di raccontare la più stupida, becera e volgare delle barzellette che avete imparato? Se è vero che il sess0 si fa con la testa più che con il basso ventre, il problema è proprio che, per fare sess0 bene o anche solo per pensarlo bene, bisogna staccarlo, il cervello. Si comincia con i primi giochi di parole scostumati che sperimentiamo nell’infanzia, e si passa al turpiloquio aperto dell’età adolescenziale, con le sue basse e ciniche malizie. Fino a diventare, nella senectus che dovrebbe essere specchio di saggezza e di morigeratezza, dei vecchi sporcaccioni a intermittenza, capaci delle più triviali battute nei più augusti consessi. Insomma, non c’è stupidario più globale e universale di quello legato all’eros. La comicità del sess0, sia quella involontaria – che è la gran parte – sia quella d’autore è talmente vasta da essere difficilmente catalogabile. Questo libro ne offre un’antologia agile consultazione, suddivisa piuttosto intelligentemente in “argomenti” monotematici; adatta sia all’amatore del ridere crasso, sia all’anima appena più pura e scandalizzabile.

La prima volta non si scorda mai, ma che cosa dite della prima gaffe? Ogni donna ha almeno un aneddoto da raccontare sugli uomini che hanno conquistato: buffo, divertente, disastroso, provocante o al contrario troppo casto.

Storie o cose dette in maniera istintiva che in alcuni casi rischiano di diventare ‘’una figuraccia’’. Impossibile da dimenticare. Eppure il più delle volte rimangono un segreto o magari uno di quegli aneddoti che si raccontano solo ed esclusivamente alle amiche del pigiama party o in una reunion di amici davanti a una buona bottiglia di vino.

State già facendo mente locale tra i vostri ricordi? Bene, tanto lo sappiamo: la ricerca non è affatto difficile. E poi, è anche divertente. Per questo riportiamo una serie di ”situazioni” che ci hanno fatto sorridere.

Camporella, tamponi dimenticati e traumi di vario tipo: qui non parleremo solo di coiti sbagliati e amplessi senza lieto fine.

Se dovessi mettere in ordine di gradimento i bisogni umani fondamentali, il primo posto lo assegnerei al mangiare, il secondo al sess0 e il terzo al dormire (ex aequo con defecare). Questo perché, pur praticante appassionata, sono anche della scuola che no sex è meglio di bad sex.

E anche perché—questa è la dura realtà dei fatti—una scamorza fritta può essere più appagante di una notte di sess0. La verità è che fare ottimo sess0 (che non è sess0 semplice e neanche buon sess0) contempla una grande quantità di variabili scientificamente non verificabili e imprevedibili. E dunque la gente, di fronte alla prospettiva di stare per fare del potenziale ottimo sess0, a volte va un po’ fuori di testa. Qui non parleremo solo di coiti sbagliati e amplessi senza lieto fine, ma di tutte quelle situazioni in cui, insomma, non sono state seguite procedure standard.

1.È TUTTO DENTRO?

La prima storia vede protagonista un mio ex-fidanzato. Tedesco dai tratti russi, è stato cittadino della DDR e aveva cosce molto grandi per l’uso frequentissimo della bicicletta. Forse proprio per quello e il fisico da marine, una volta calate le mutande, le dimensioni dell’organo riproduttivo impallidivano di fronte alla maestosità e dimensioni degli altri muscoli. Certo un po’ mortificante, ma del resto “è importante che lo sai usare bene.”

Sorvolando sul tempo che il ragazzo ci mise per tirarlo fuori (quattro settimane circa) e per essere propriamente attivo (memorabile la frase “I am NOT impotent”), dopo un po’ si ingrana e si fa dell’ottimo sess0 con punte ancora oggi ineguagliate. Un weekend decide di accompagnarmi a Milano perché dovevo votare alle elezioni.

Stiamo a casa dei miei, dove ho ancora una stanza con un letto ad una piazza. Quando iniziamo—attenti a far piano dati i genitori dormienti nella camera affianco—siamo chiaramente impediti dal poco spazio a disposizione, ed entrambi, a turno, giochiamo a imitare animale anfibio spiaccicato sulla parete. Spazientita dalla logistica e dal letto formato bambino, a una certa esclamo (va in inglese perché più efficace): “uff, it’s so small!”

Silenzio tombale. “I know. I’m sorry…”

2.SANGUE

La vittima di quest’altro episodio è anche “carnefice”, ma a lei va tutta la nostra stima per il contesto gore e una certa dose di precocità nell’impresa. Dunque, questa giovane donna di 14 anni partecipa al diciottesimo del suo fidanzato, in un locale fighetto vicino a Porta Genova, sempre Milano. Dopo poco i due iniziano a sentire quell’incontrollabile voglia che si sente solo a quell’età e vanno nel sottoscala a pomiciare. La giovane indossa per l’occasione una cintura materna, decorata con borchie a forma di stella applicate in tutta lunghezza.

Appena avviene il contatto carnale, il frenulo si spezza e getti di sangue iniziano a schizzare in svariate direzioni. Terrorizzata, lei si precipita di sopra, chiama gli amici che trovano il fidanzato riverso sulle scale, verde in faccia e coperto di sangue altrove. Gli amici sono sotto shock, forse per quell’empatia pisellare che serpeggia tra gli uomini e che vediamo spesso nei film sulla guerra del Vietnam, dove il soldato n.1 ha il pene mozzato e il soldato n.2 quasi si circoncide per l’orrore.

Mentre la giovane donna si impegna con zelo ammirevole a ripulire la scena del crimine con carta igienica “solo 3 veli”, viene chiamata l’ambulanza. Entrambi studenti di un noto liceo milanese, non furono mai presi di mira direttamente: o per lo meno lei si risparmiò vessazioni negli anni a venire, forse proprio in nome della sua intraprendenza—era pur sempre una del primo anno che se la faceva con uno dell’ultimo (anche se adesso, dall’alto dei suoi venti e qualcosa anni, mi confessa che non ha ancora ben capito come si fanno le seghe). Sembra che nei bagni della scuola ci siano ancora degli affreschi a testimoniare l’avvenimento: il protagonista è facilmente riconoscibile perché sgocciola sangue dal batacchio.

3. BOTTE DA ORBI

Falso mito di chi vuole praticare sess0 matto è quello della cosiddetta aggressione consenziente. Il problema è che in giro c’è un sacco di gente che proprio non è in grado. Mi ricordo una volta con un tizio che mi aveva letteralmente strappato la camicia di dosso e poi cercava di infilarmi il suo gigantesco arnese dentro quel (per lui evidentemente) noto buco che si trova dietro il ginocchio sinistro. “Eh… guarda, non c’è niente lì.” Allora daje che ci riprova, ma evidentemente con idee molto confuse sull’anatomia femminile, perché cerca di inserirsi in quell’altro buco profondissimo e molto accessibile chiamato orifizio uretrale. No! Strada sbagliata! Imbarazzante ruspa fallica alla Salvini, la camicia fu rovinata e così anche il mio desiderio.

4.MENAR IL CAZ PER L’AIA

Andare in camporella e venir colti in flagrante sono praticamente la stessa parola. Ricordo ancora con orgoglio quando finii con un bel biondo nello zoo-fattoria di Görlitzer Park a Berlino. Pioveva a dirotto, ma noi eravamo tranquilli in una piccola capanna di legno. A un certo punto rumori violentissimi ci distraggono, e dopo un po’ ricominciano, più forti e bizzarri, come se qualcuno stesse scavandoci il terreno sotto i piedi. Mi sporgo a controllare ed è un gigantesco maiale, tenuto lì insieme a due capre ed alcuni conigli. Io pensavo fossimo nel villaggio delle fate e invece era solo un porcile.

Più rischiosa è la parabola che segue. È una storia di diritti al bunga frustrati dalla campagna rurale e da immaginare un po’ con la palette dei colori di X-Files. Siamo nell’impervio Friuli ma potremmo essere a Roswell, New Mexico. Riporto quasi senza alterazioni come mi è stato riferito, perché ne vale la pena. O il pene. LOL.

1. Il tutto accade un’estate di svariati anni fa. Abbiamo vent’anni. 2. Data la relazione a distanza e gli incontri settimanali, avevamo i nostri posti per camporella a Udine e provincia. 3. Uno di quelli a noi caro era una strada di campo accanto a cimitero. Arriviamo. Denudiamo. Partiamo. 4. In distanza vediamo passare un trattore con luce puntata sul campo accanto al cimitero. Rallenta. Punta il faro. Se ne va. Paura. 5. Ripassa. Si ferma. Punta il faro. 6. Impauriti accendiamo il motore e scappiamo in quarta, nudi e crudi come la natura c’ha fatto. Il mio partner alla guida, io ancora sui sedili posteriore. 7. Raggiunta la strada, notiamo che ci segue un macchinino. Dopo poco accende un lampeggiante blu. 8. Io urlo “seminali!” dal sedile posteriore, mentre quello del passeggero di fronte è ancora reclinato avanti. Il mio amante mi asseconda per 200 metri spingendo sull’acceleratore. 9. Parte la sirena. 10. Lui inchioda. 11. Lo sbirro scende dalla macchina, e io mi copro con un paio di pantaloni abbandonati sul sedile a rovescio. L’altro fa lo stesso con una camicia ancora abbottonata. Petti nudi, palle al vento. 12. Lo sbirro bussa. 13. Il mio fidanza—invece che abbassare il finestrino—apre la porta scoprendo cosce chilometriche e anoressiche. 14. Il poliziotto vede lui—butta uno sguardo a me dietro [attraverso il vetro vaporaceo alla Titanic] e impallidisce evidentemente. 15. Invece di chiederci i documenti blatera qualcosa sulla pericolosità del posto da noi scelto—perché (quoto) “vicino ad un noto campo Rom”. 16. Annuiamo. L’imbarazzo è immenso per tutti. Tanti saluti e via.

5. CORPI ESTRANEI

Prima o poi, nella vita, compariranno oggetti non ben identificati nel vostro corpo.

Il primo caso risale a un festival che mi piace immaginare scandinavo (ma che la testimone definisce solo “molto marcio”), dove lei finisce in tenda con uno, nazionalità olandese e pelle lucente coperta da efelidi. Tempo di una capatina in bagno per la nostra compare e l’olandese si esibisce subito in nudità integrale. Siamo però a un festival, gli spazi sono ristretti e come se non bastasse c’è un compagno di tenda—così profondamente addormentato o ubriaco che per tutta la durata non fa una piega. Al clou del rapporto il ragazzo riesce a raccogliere le forze necessarie per infilarsi un preservativo.

Poi la situazione si fa confusa: smettono ma la protagonista non ricorda se di comune accordo o altro. Poco importa, lei crolla in un sonno profondissimo. Si risveglia ore dopo e il suo amico non c’è. Assente pure il compagno di tenda. Dopo aver seguito la profilassi d’emergenza—test di gravidanza e malattie varie—passa una settimana. E nelle mutande si trova qualcosa che non ha tessuti organici: un pezzo del preservativo, probabilmente rimasto incastrato da qualche parte su per l’incavo vaginale, “decisamente disidratato al momento del sess0 alcolico.”

La seconda storia ha tempi molto più lunghi, ma la farò breve. Amica scopa con ragazzo. Lui dice: “Ma cos’hai lì dentro?” Eseguono varie posizioni yoga complicatissime per indagare nella tana del lupo: dita, mani, pinzette, specchi, acqua, lavande vaginali, scoregge, aria e cannucce. Niente. La cosa non vuole saperne di venir giù. Ma soprattutto, cos’è?

Dolore la mia amica non ne prova, ma dopo tutti i tentativi di recupero—che durano diversi giorni—è sì un po’ infastidita e preoccupata. Il passo successivo è il pronto soccorso, dove scoprono che l’oggetto era un vecchio tampone dimenticato lì dentro probabilmente da mesi. “L’hanno tirato giù con uno strumento che sembrava quello per infilarsi le scarpe dal tallone. Non ti dico la puzza”.

Epilogo necessario è menzionare un problema che affligge molte donne durante e dopo l’amplesso. Quella della flatulenza. È normale che durante il bunga i nostri poveri corpicini si debbano adattare a forme e dimensioni inusitate e che, nel farlo, entri e venga prodotta aria.

Infatti. Una volta stavo dormendo con il mio ragazzo quando vengo svegliata di soprassalto. Da una scoreggia. La mia.

6. Lidia

Lidia a 28 anni non era ancora riuscita a trovare l’uomo con cui avrebbe perso la verginità, fino a quando non ha ceduto in maniera del tutto istintiva. Era ad una festa con un tipo carino che le ha chiesto di uscire. Ha detto subito di sì, anzi, l’appuntamento era previsto il giorno dopo. Lo hanno fatto sul divano, a casa di lui, ma è stato un completo flop. Primo: è durato poco, pochissimo e non le è nemmeno piaciuto. Secondo: non avrebbe mai immaginato che fare l’amore potesse essere un vero e proprio disastro, soprattutto quando lui è scoppiato a riderle in faccia nel momento in cui alla domanda ”Sei venuta?” lei ha risposto: ”Dove?”.

7. Anna

Anna è uscita con il cugino di una sua amica convinta di passare una serata tranquilla che non si sarebbe tradotta in niente. Lui era un tipo, ma niente di eccezionale. E poi lei è una di quelle ragazze che pensano: mai al primo giorno. Un gelato, due chiacchiere vicino al mare, poi scendono in spiaggia a sentire se l’acqua è fredda. Si siedono sulla sabbia per chiacchierare. Lui tira fuori un preservativo e dice: ”Io lo metto qui, vediamo cosa succede”. Come poteva andare a finire secondo voi?

8. Giulia

A Giulia è successo qualcosa di straordinario: il momento è di altissima passione. Si spogliano in fretta, finiscono entrambi contro l’armadio, lui le sbottona il reggiseno in un nanosecondo, non smettono mai di baciarsi intensamente e poi, quando si staccano per prendere il condom notano che il reggiseno non è finito sul pavimento, ma è rimasto appeso proprio lì. Sì, avete capito bene. Una mega risata e poi hanno ricominciato con la stessa voglia di prima.

Condividi

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata