Home

Lo Specchio dell’Ego: La Politica nell’Era dei Selfie

In quest’epoca di profonde trasformazioni sociali e politiche, è inevitabile interrogarsi sullo stato della politica contemporanea e sul ruolo che i media e i social network hanno assunto nel modellarne il volto.

Da osservatore attento, ho assistito a un lento ma inesorabile mutamento: la politica è diventata un palcoscenico dove prevalgono l’immagine e la retorica, piuttosto che la sostanza e l’azione. Ma, in fondo, è questa la politica che ci rappresenta?

La politica di oggi sembra riflettere un cambiamento culturale più ampio, dove l’immagine è tutto e la sostanza passa in secondo piano. I social media hanno amplificato questo fenomeno, trasformando politici in personaggi pubblici costantemente sotto i riflettori, dove ogni post, ogni tweet, diventa una dichiarazione di posizione o un’arma retorica. Ma è giusto incolpare solo loro?

Riflettiamo sui grandi statisti del passato, figure che hanno plasmato la storia con la loro visione e le loro azioni. Uomini e donne che hanno lasciato un segno indelebile nella storia, non per la loro abilità nel manipolare l’opinione pubblica, ma per le loro scelte coraggiose e spesso impopolari. Avrebbero potuto essere altrettanto influenti in un’era dominata dai social media?

Immaginiamo un Cavour o un De Gasperi alle prese con i social media. Avrebbero ceduto alla tentazione di ridurre la politica a una serie di post ben calibrati per catturare l’attenzione? O avrebbero mantenuto quella fermezza di intenti e quella visione a lungo termine che li ha resi figure chiave della nostra storia? La risposta a questa domanda potrebbe essere sconcertante.

Questo ci porta a una riflessione più profonda: la classe politica di oggi è davvero così diversa da quella del passato, o siamo noi, come società, a essere cambiati? In un mondo dove la comunicazione è immediata e onnipresente, forse è inevitabile che anche la politica si adatti a queste nuove regole del gioco. Tuttavia, ciò solleva un interrogativo etico: stiamo sacrificando la qualità della nostra democrazia sull’altare dell’immagine?

Non dobbiamo dimenticare che i politici sono il riflesso della società che li ha eletti. Se lamentiamo la superficialità e il narcisismo della nostra classe politica, forse dobbiamo anche interrogarci sul nostro ruolo in questo. Siamo noi, con i nostri like, condivisioni e commenti, a contribuire a questa cultura dell’immagine a discapito della sostanza.

E’ giusto chiederci se i grandi statisti del passato avrebbero potuto emergere in questo clima mediatico. Ma è altrettanto importante chiederci cosa possiamo fare, come cittadini, per richiedere e sostenere una politica più autentica e meno teatrale. La risposta a queste domande determinerà il futuro della nostra democrazia e il tipo di società in cui vogliamo vivere.

Condividi

AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web Younipa.it , alla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram.

Concorsi pubblici: Tutti i bandi attivi al momento Ricevi sul canale Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia.

NEWS LE NEWS PIU IMPORTANTI Per non perderti tutte le news più importanti raccolte in un unico canale Telegram. Cronaca, politica, sport, cultura, eventi e tanto altro ancora.

GOSSIP: IL nostro canale Telegram dedicato al mondo del gossip Qui per il Gossip

Post correlati


A proposito dell'autore