Home

Due giovanissimi siciliani verranno premiati per loro buone azioni. Sarà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a proclamare “Alfieri” 28 persone, che nel 2020 si sono distinte per la virtù delle loro azioni per gli altri.

A rendere noti le persone, che riceveranno i ringraziamenti da Mattarella in persona, una nota del Quirinale. Tra i 28 ci sono anche due siciliani. Una di 16 anni e uno di 17 anni. Una vive ad Alcamo, l’altro a Nicosia. Entrambi hanno cercato di riempire questo anno nefasto con azioni virtuose.

Accanto ai 28 attestati d’onore da Alfieri sono state assegnate anche tre targhe per azioni collettive, che traggono anch’esse ispirazione dai valori di altruismo e dal profondo senso di responsabilità, in questo periodo di emergenza sanitaria. Il più piccolo tra gli Alfieri ha solo 9 anni, i più grandi 18.

I due giovani siciliani che saranno Alfieri

Maria Piera Calandra, 16 anni, residente a Alcamo ricevere il titolo “per l’impegno generoso e la dedizione con cui ha prestato servizio di volontariato durante l’emergenza Covid. Si è resa disponibile ad ogni attività di assistenza. Ma anche di supporto in favore delle persone più vulnerabili e la sua gentilezza è stata di conforto per molti”.

Andrea Lo Guzzo, 17 anni, vive a Nicosia, riceve la celebre onorificenza “per il senso civico mostrato in seguito a un incidente stradale, provocato da un auto pirata, in cui è rimasto coinvolto un bambino di 8 anni. Grazie al suo spontaneo contributo la Polizia è riuscita a rintracciare il responsabile dell’incidente“.


Telefonata choc per Draghi: “Se tocca il reddito di cittadinanza fa la fine di Falcone” [AUDIO]

Fabrizio Corona scopre di dover tornare in carcere e per protesta si taglia i polsi: IL VIDEO SHOCK


Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata