Home

Un negozionista di 35 anni decide di portare il suo credo in giro per Cagliari, attualmente in zona bianca. Il cagliaritano, come i video da lui stesso postati confermano, entra in un negozio vestito da pecora e con una mascherina bucata, simbolo della sua lotta contro i famosi poteri forti. Non è il primo negazionista a compiere questi gesti estremi.

Da ore sul web gira il video dell’uomo. Proprio per la sua traccia digitale, i carabinieri lo hanno identificato e sanzionato per il mancato rispetto delle norme anti-contagio. Dovrà pagare una multa di 400 euro. E per lui ci sarebbero altri guai in vista.

Un negazionista vestito da pecora

In base all’informazioni in possesso del quotidiano online youtg.net, il giovane non è entrato in un solo locale. Ma sembra aver fatto una sorta di sfilata in giro per la provincia di Sarroch, comune di Cagliari.

Inoltre per il 35enne ormai sembra un’abitudine entrare nei locali o nei negozi vestito in maniera carnevalesca e senza mascherina, a causa della sua fede negazionista.

Qualche settimana fa, sempre lo stesso negazionista sardo, aveva girato tutte le attività della sua zona vestito da Spider-man e senza alcun tipo di strumento da protezione contro il Covid-19.

In particolare, indossando il costume dell’animale, il giovane ha voluto ironizzare sulle persone che rispettano le regole, che secondo lui sono “pecore”. Una sorta di metafora becera, fatta da un uomo che crede che il virus non esista. Nel video, infatti, il 35enne dice: “L’avete mai vista un pecora che fa la spesa? E’ pieno“.

Per poi imitare il verso dell’animale e far finta di starnutire. Alla fine del video si pulisce anche il naso con un rotolo di carta igienica appeso sul collo.


Covid, in Sicilia contagi sotto controllo: ma nel Palermitano aumentano i focolai


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata