Home

Se vi dicessero che per costruire una casa basta semplicemente utilizzare una stampante speciale? Ecco, quel futuro non è così inverosimile: la nuova frontiera dell’architettura sostenibile è rappresentata infatti dalla realizzazione di case stampate in 3D.

TECLA: “Dalla terra informe alla terra in formato casa”, la prima abitazione interamente stampata in 3D con materiali naturali e costruita con ben 200 ore di stampa a Massa Lombarda.

Il pianeta terra ci chiede questo approccio, questa sfida. Così le eco-case trasformano il modello tradizionale in uno nuovo che è carbon neutral e zero emissioni. – così ha dichiarato Alberto Chiusoli, ingegnere della WASP, ha dichiarato a Reuters.

Case stampate Tecla

Un anno fa Mario Cucinella e Massimo Moretti si sono incontrati e dal loro incontro è nata una stella: si chiama Tecla ed è la prima casa al mondo fatta di terra (al 95% per cento, per essere precisi; il resto è un materiale che favorisce l’indurimento dello stampo). Ha la forma di un alveare e non perché l’azienda di Moretti si chiama Wasp, vespa; ma perché è la forma perfetta per una casa resistente, con un foro al centro per favorire la circolazione dell’aria e il mantenimento della temperatura interna (è la prima casa che si adatta alla latitudine, cioé varia l’altezza a seconda del clima). Per stamparla ci sono voluti meno di dieci giorni, 200 ore con due stampanti 3D in parallelo; costo dei materiali, zero; risultato due alveari di 70 metri quadri abitabili, letto e cucina compresa.

La stampa è finita a metà gennaio, ora stanno finendo le finiture per la presentazione. Ma intanto le foto hanno fatto il giro del mondo suscitando meraviglia non solo per la casa ma per la combinazione fra passato e futuro di Tecla, terra e stampanti 3D: una delle tecniche più antiche per fare case reinventata con una tecnologia moderna. Ora Tecla sarà analizzata e studiata e se verrà confermato che è stabile e sicura, entrerà sul mercato. E’ l’economia circolare applicata all’edilizia, la prova che il mondo sta cambiando non per caso ma perché ci sono persone che non smettono di provarci.  


Altre notizie:

Vaccino AstraZeneca, arrivate le prime dosi

WhatsApp: in arrivo una nuova funzione

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata