Home

“È verosimile che sul vaccino Johnson&Johnson venga messo un limite di età similare a quello di Astrazeneca, visto che le complicanze si sono osservate in soggetti giovani, ma si tratta di complicanze rarissime e sproporzionate rispetto al vantaggio che offre il vaccino, soprattutto per i soggetti sopra i 50-60 anni”.

Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’e’ desta’ su Radio Cusano.

“Oltre alle 8 milioni di dosi previste ad aprile ne arriveranno altre” precisa Sileri. Per quanto riguarda J&J “il numero di dosi in arrivo ad aprile è basso in questo momento poco altereranno il piano vaccinale visto che ne arriveranno di piu’ da Pfizer”. “È chiaro che auspichiamo che Ema si pronunci presto e che le dosi di J&J vengano sbloccate il prima possibile. Non credo che questo ostacolerà il processo di vaccinazione”, conclude Sileri. 

Johnson & Johnson: “Stiamo aggiornando le linee guida del vaccino

“Per ragioni di massima cautela, i CDC e la FDA hanno raccomandato una pausa nell’uso del nostro vaccino. Abbiamo preso la decisione di ritardare proattivamente il lancio del vaccino in Europa e di sospendere le vaccinazioni in tutti gli studi clinici del vaccino di Janssen contro il COVID-19, mentre allo stesso tempo stiamo aggiornando le linee guida per i ricercatori e i partecipanti”.

Lo comunica l’azienda farmaceutica Johnson & Johnson dopo la sospensione del proprio vaccino anti-Covid a seguito della segnalazione di casi rari di formazione di coaguli di sangue in combinazione con bassi livelli di piastrine.

Leggi anche

Covid

Il Governo studia le riaperture in vista di maggio: ipotesi coprifuoco a mezzanotte e ristoranti all’aperto

Annuncia il blocco totale di AstraZeneca e sviene in diretta TV [VIDEO]

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata