Home

Ho accettato con grande piacere l’invito di Intesa Universitaria per partecipare al seminario dedicato al ruolo della donna nel mercato del lavoro, che si svolgerà mercoledì 21 maggio, alle 15:00, presso l’Aula Magna della Scuola Politecnica.

L’ho fatto perché – da imprenditrice e ideatrice di un’associazione, Fiori Di Acciaio, che si batte per le pari opportunità – sono convinta che l’Università debba preparare al meglio l’ingresso delle donne nella società dalla porta principale, plasmandola e non subendola.

L’Università, infatti, non dovrebbe essere soltanto il luogo delle individualità, dove ogni studente si forma esclusivamente per il proprio avvenire, selezionando e affrontando la migliore strada possibile da percorrere, con sacrificio e dedizione, ma anche il luogo delle specialità e delle battaglie comuni, in cui la conoscenza dovrebbe andare di pari passo con l’azione e con la volontà di essere protagonisti nel mondo, unendo gli “egoismi” in vista di uno stesso obiettivo, e soprattutto utile per chiunque.

E mi rivolgo soprattutto alle studentesse, invitandole a partecipare attivamente alle dinamiche della società e a fare rete, unendo risorse e progetti, perché il benessere economico del nostro Paese passa anche e soprattutto dalle nostre battaglie.

Il lavoro, infatti, deve essere considerato come un diritto, un’aspirazione, un progetto e un’idea per la cui realizzazione occorrono determinazione, fatica fiducia in se stessi.

Quindi, siate battagliere, agguerrite e fiere di essere donne nell’ambito che sceglierete, con le vostre professionalità e conoscenze. E siatelo con un occhio sempre attento all’innovazione.

Siate, insomma, lo Tsunami rosa che travolga l’Italia, che bussi alle porte del mercato del lavoro con convinzione e audacia. E una volta aperta quella porta, entrate a testa alta.

E vi aspetto mercoledì 21 maggio!

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Broker assicurativo, ideatrice di Fiori Di Acciaio (associazione che si batte per le pari opportunità), referente in Sicilia della Fondazione Maria Bellisario.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata