Home

La politica è lo specchio della società. Aiuto!!!

Angela Chianello si butta anche in politica. Ieri sera, 15 dicembre, attraverso i suoi profili social la signora del buongiorno da Mondello ha dichiarato che avrebbe fatto una conferenza stampa pubblica contro il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Adesso anche lei esperta di politica!

Angela ha anche invitato un paio di giornalisti, quasi come se fosse un discorso presidenziale vero e proprio. La conferenza si è tenuta nel quartiere di Angela: Alla piazza della Noce. Ma prima c’è stata una preview. Dall’inizio della giornata Angela, da brava reporter e aspirante politica, ha raccontato su Instagram attraverso degli scatti fotografici i cumuli di rifiuti sparsi nella città. Un modo per attaccare il sindaco, a suo parere ossessionato da lei e poco interessato ai problemi di Palermo.

L’attacco di Angela ad Orlando

“Lei signor Orlando mi ha chiamata la “vergogna di Palermo”. Nella città ci sono problemi più gravi come la spazzatura. Lei, sindaco, ha portato un albero di Natale che non si può definire tale e non si può guardare. Con tutti questi problemi pensa ancora a me?”

Arrabbiata la signora Chianello decide di fare un raffronto tra l’albero della Noce, il suo quartiere, e l’albero di piazza Politeama, tanto contestato in queste settimane sui social.

Il nostro albero alla Noce è magnifico, quello suo non si può vedere”. Una testata giornalistica, che si è presentata alla Noce, ha dichiarato che la mente del “Non ce n’è coviddi” non avrebbe risposto a nessuna domanda scomoda dei giornalisti, prima che il suo agente, Lele Mora, ne conoscesse i temi e i contenuti. Poi, in esclusiva, ad un ragazzo, ha dichiarato in maniera poco scomoda che ormai Mediaset è come se fosse casa sua. “A Mediaset ho trovato una seconda famiglia. Mi trovo davvero bene”.
Non ce n’è pudore, non ce n’è.


Leggi anche:

Nuovo Dpcm. Per Natale zona Rossa nazionale e coprifuoco alle 18

Fabio Volo vs Fedez: “La beneficenza si fa in silenzio”

Il virologo Pregliasco: “Il rientro a scuola? Pura pazzia”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata