Home

Dopo 33 anni, a causa della mancanza di fondi, chiude Telejato, la tv siciliana di Pino Maniaci incentrata sull’antimafia.

Addio a Telejato: i motivi

Dopo 33 anni, ‘si spegne’ Telejato, la storica emittente televisiva siciliana nota per i suoi servizi giornalistici di denuncia contro la mafia e l’illegalità nell’Isola. Ad annunciarlo, Pino Maniaci, editore della tv e direttore del telegiornale.

L’emittente siciliana non è stata ammessa nella graduatoria di quelle locali che possono trasmettere con i nuovi standard DVB-T2 (digitale terrestre di seconda generazione). Maniaci ha spiegato che, per continuare ad avere una frequenza in Sicilia, Telejato avrebbe dovuto pagare 40mila euro.

“Non c’è riuscita la mafia e ci riesce lo Stato”

“Non c’è riuscita la mafia coi suoi attentati a farci chiudere, non ci sono riusciti pezzi del tribunale di Palermo e ci riesce lo Stato. Le nostre frequenze sono state vendute al 5G”, ha detto Maniaci, aggiungendo che al momento Telejato continuerà a trasmettere in streaming su Telejato.it e sui canali social.


Leggi anche: Mafia, sondaggio shock: il 43% dei giovani italiani la ritiene invincibile: TUTTI I DATI


La storia di Telejato

Telejato ha sede a Partinico, in provincia di Palermo. Fu fondata nel 1989 da Alberto Lo Iacono e nel 1999 venne rilevata da Pino Maniaci, fino ad allora imprenditore edile, che assunse poi il ruolo di conduttore del telegiornale, diventando il perno della trasmissione. I suoi servizi erano noti per il tono molto diretto e sfrontato nei confronti dei boss mafiosi.

Vicende giudiziarie

Nelle 2016, Maniaci venne indagato dalla procura di Palermo per estorsione ai danni di due amministratori comunali. Secondo l’accusa, avrebbe ricevuto denaro e favori dai sindaci di Partinico e Borgetto, evitando in cambio dei servizi riguardanti le loro amministrazioni. Dopo un lungo procedimento giudiziario, l’8 aprile del 2021 Maniaci è stato assolto con formula piena perché il fatto non sussiste.

Antimafia, Pino Maniaci assolto dall’accusa di estorsione

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata