Home

Come era già successo durante il 2020, anno per eccellenza del lockdown e del pieno della pandemia, i servizi video streaming sono balzati alle stelle e nel 2021 il fenomeno si ripete, come abbastanza prevedibile.

D’altronde, la situazione epidemiologica non è poi cambiata più di tanto e stando a casa, l’unica via di fuga almeno con la mente è rappresentata proprio dalle serie tv o film offerte dalle diverse piattaforme streaming.

Covid, boom di streaming durante il lockdown

La nuova smart Tv sta assumendo un nuovo ruolo centrale nelle nostre vite, a maggior ragione adesso che le limitazioni imposte dal governo ci vietano di fare vita sociale.

Secondo una ricerca, infatti, condotta da Sensemaker i dati Auditel e non solo, parlano chiaro.

Infatti nell’anno della pandemia la fruizione dei video in streaming ha fatto registrare un vero e proprio boom, soprattutto se parliamo di due colossi quali Netflix e Amazon Prime Video.

Anche Disney+ raggiunge 100 milioni di abbonati.

Ma cosa hanno guardato gli italiani durante il lockdown?

Oltre ad un prevedibile aumento dell’utilizzo dei servizi di streaming video, però, in questo periodo di lockdown si è registrato anche un cambiamento dei comportamenti di fruizione che la pandemia ha in qualche modo influenzato.

Gli italiani hanno preferito soprattutto film e serie Tv, segnando delle percentuali superiori al 50%, seguite dai contenuti di intrattenimento e da quelli sportivi, che hanno subito un blocco a causa delle misure restrittive. La scelta dei contenuti si è basata sui suggerimenti delle piattaforme, dai “titoli Hero” e dai prodotti maggiormente pubblicizzati.

Non so se è un caso, una coincidenza oppure no, ma questo dato conferma la voglia di intrattenimento, di programmi e prodotti “svuota-testa”, leggeri che restituiscano, in qualche modo, la spensieratezza persa a causa della pandemia.


La Sicilia torna arancione: e chi paga le spese? La voce dei piccoli imprenditori


Unipa, inaugurato in streaming il nuovo anno accademico 2020/2021: tutti i dettagli


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata