Home

I contagi in Sicilia non si fermano. Anzi, si registra una crescita esponenziale dei casi di positività e della curva dei contagi.

E’ quanto emerge dal modello statistico messo a punto da un team di ricercatori del dipartimento di Scienze economiche aziendali e statistiche dell’università di Palermo.

Inumeri sono aggiornati al 30 dicembre. La tendenza è confermata dal numero dei positivi che in Sicilia in questi ultimi giorni si è sempre aggirato intorno ai mille nuovi casi, con un Rt (il valore che indica la velocità di diffusione del contagio) che è schizzato ad oltre l’1,10.

Curva dei contagi: i grafici degli esperti

Guardando ai grafici elaborati dai professori Vito Muggeo, Andrea Consiglio, Gianluca Sottile, Vincenzo Giuseppe Genova, Giorgio Bertolazzi, Giovanni Boscaino e Mariano Porcu, pubblicati su questo sito, la crescita della percentuale di positivi in base al numero di tamponi effettuati in Sicilia in due settimane è passata da meno 1,7 a più 1,7 per cento.

L’indice Rt inoltre è passato da 0,90 a 1,10. Si muove verso l’alto anche la curva dei ricoveri, che tra il 24 novembre e il 25 dicembre (de)cresceva del meno 1,6 per cento e che dal 25 a 30 dicembre è risalita dell’1,7 per cento.

Più tranquilla la situazione delle terapie intensive.

Contagi. Situazione siciliana peggiore di quella di tante regioni italiane

La situazione siciliana non è in linea con quanto accade a livello nazionale, dove la curva al 30 dicembre continuava a scendere e l’indice Rt “aggiustato” era dello 0,93, e neppure con quanto accade in altre regioni, particolarmente colpite dal Covid. In Lombardia, per esempio, l’indice di crescita della curva dei positivi sui tamponi realmente effettuati è negativa (-1,1) e l’indice Rt “aggiustato” è allo 0,94.

Nell’Isola, tuttavia, le cose vanno meglio che in Campania, dove il numero dei nuovi positivi in base ai tamponi effettuati cresce addirittura del 6,1 per cento e l’indice Rt “aggiustato” tocca persino l’1,39.

Paradossalmente però se si va a guardare il confronto tra regioni, emerge che in Sicilia, sempre al 30 dicembre, il tasso di positivi sul numero di tamponi effettuati è del 19,4 per cento, dunque quasi uno su cinque, a fronte del 17,7 della Campania, mentre su scala nazionale il dato è addirittura del 27,4 per cento.

I dati provinciali sono, invece, molto diversi rispetto a quelli registrati in altri territori. Innanzitutto spieghiamo che la classificazione delle province avviene, in questo studio, secondo la stima di due quantità: la velocità con cui si sta muovendo l’epidemia, cioè il valore di Rt, e il numero medio di nuovi casi giornalieri per 10.000 abitanti sull’asse delle ordinate.

Pur valutando una possibile incertezza sui numeri effettivi di contagi registrati (che è verosimilmente al ribasso rispetto al numero effettivo di positivi comunicati) la provincia di Agrigento ha il dato migliore ra quelli registrati in Sicilia. Si ferma ad un Rt di 0,8 e una media di nuovi casi ogni 100mila abitanti dello 0.4. E’ chiaro, tuttavia, che questo dipende anche dal numero di tamponi effettuati.


Leggi anche:

Vaccino AstraZeneca. In arrivo 2 milioni di dosi a settimana

Palermo. Picco di positivi al drive-in della Fiera


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata