Home

Covid. Lo studio dell’Università di Palermo fa scattare l’Allarme: In Sicilia cresce ancora la curva dei contagi

I contagi in Sicilia non si fermano. Anzi, si registra una crescita esponenziale dei casi di positività e della curva dei contagi.

E’ quanto emerge dal modello statistico messo a punto da un team di ricercatori del dipartimento di Scienze economiche aziendali e statistiche dell’università di Palermo.

Inumeri sono aggiornati al 30 dicembre. La tendenza è confermata dal numero dei positivi che in Sicilia in questi ultimi giorni si è sempre aggirato intorno ai mille nuovi casi, con un Rt (il valore che indica la velocità di diffusione del contagio) che è schizzato ad oltre l’1,10.

Curva dei contagi: i grafici degli esperti

Guardando ai grafici elaborati dai professori Vito Muggeo, Andrea Consiglio, Gianluca Sottile, Vincenzo Giuseppe Genova, Giorgio Bertolazzi, Giovanni Boscaino e Mariano Porcu, pubblicati su questo sito, la crescita della percentuale di positivi in base al numero di tamponi effettuati in Sicilia in due settimane è passata da meno 1,7 a più 1,7 per cento.

L’indice Rt inoltre è passato da 0,90 a 1,10. Si muove verso l’alto anche la curva dei ricoveri, che tra il 24 novembre e il 25 dicembre (de)cresceva del meno 1,6 per cento e che dal 25 a 30 dicembre è risalita dell’1,7 per cento.

Più tranquilla la situazione delle terapie intensive.

Contagi. Situazione siciliana peggiore di quella di tante regioni italiane

La situazione siciliana non è in linea con quanto accade a livello nazionale, dove la curva al 30 dicembre continuava a scendere e l’indice Rt “aggiustato” era dello 0,93, e neppure con quanto accade in altre regioni, particolarmente colpite dal Covid. In Lombardia, per esempio, l’indice di crescita della curva dei positivi sui tamponi realmente effettuati è negativa (-1,1) e l’indice Rt “aggiustato” è allo 0,94.

Nell’Isola, tuttavia, le cose vanno meglio che in Campania, dove il numero dei nuovi positivi in base ai tamponi effettuati cresce addirittura del 6,1 per cento e l’indice Rt “aggiustato” tocca persino l’1,39.

Paradossalmente però se si va a guardare il confronto tra regioni, emerge che in Sicilia, sempre al 30 dicembre, il tasso di positivi sul numero di tamponi effettuati è del 19,4 per cento, dunque quasi uno su cinque, a fronte del 17,7 della Campania, mentre su scala nazionale il dato è addirittura del 27,4 per cento.

I dati provinciali sono, invece, molto diversi rispetto a quelli registrati in altri territori. Innanzitutto spieghiamo che la classificazione delle province avviene, in questo studio, secondo la stima di due quantità: la velocità con cui si sta muovendo l’epidemia, cioè il valore di Rt, e il numero medio di nuovi casi giornalieri per 10.000 abitanti sull’asse delle ordinate.

Pur valutando una possibile incertezza sui numeri effettivi di contagi registrati (che è verosimilmente al ribasso rispetto al numero effettivo di positivi comunicati) la provincia di Agrigento ha il dato migliore ra quelli registrati in Sicilia. Si ferma ad un Rt di 0,8 e una media di nuovi casi ogni 100mila abitanti dello 0.4. E’ chiaro, tuttavia, che questo dipende anche dal numero di tamponi effettuati.


Leggi anche:

Vaccino AstraZeneca. In arrivo 2 milioni di dosi a settimana

Palermo. Picco di positivi al drive-in della Fiera


Condividi

AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web Younipa.it , alla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram.

Concorsi pubblici: Tutti i bandi attivi al momento Ricevi sul canale Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia.

NEWS LE NEWS PIU IMPORTANTI Per non perderti tutte le news più importanti raccolte in un unico canale Telegram. Cronaca, politica, sport, cultura, eventi e tanto altro ancora.

GOSSIP: IL nostro canale Telegram dedicato al mondo del gossip Qui per il Gossip

Post correlati


A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.