Home

A che servono i business plan, quando ci sono i tradimenti a lavoro che aumentano la qualità e la produttività in azienda? Secondo un recente sondaggio condotto da Ashley Madison, la piattaforma di incontri pensate per persone già sposate o con una relazione, l’ufficio è uno dei luoghi preferiti per una scappatella.

Come spiega GQ, il 66% degli intervistati ha dichiarato che il tradimento in ufficio è visto come un’esperienza positiva. Invece il 32% lo considera un ottimo modo per evadere dalla routine familiare. O anche per sfuggire dai momenti più noiosi e poco gratificanti del proprio lavoro (21%). Il sondaggio ha anche sfatato il falso mito che i tradimenti accadano sempre tra il capo e chi lavora per lui, la maggioranza delle avventure in realtà sono tra persone dello stesso grado. Più difficile di grado diverso.


Leggi anche: Boom di tradimenti a lavoro, il 40% degli italiani ha scappatelle coi colleghi: “È eccitante”


I tradimenti a lavoro aumentano la qualità dell’azienda

In base alla ricerca, questo tipo di relazioni non influiscono sul proprio rendimento lavorativo. Più della metà degli iscritti alla piattaforma ha dichiarato che iniziare una tresca sul posto di lavoro non ha influito negativamente sul raggiungimento dei propri obiettivi lavorativi.

Anzi il 20% ha riscontrato un aumento di produttività. L’82% degli intervistati consiglierebbe addirittura ai propri referenti delle Risorse Umane una maggiore tolleranza nei confronti di questo tipo di relazioni. Infine 8 intervistati su 10 hanno dichiarato che avere una storia con un collega è un rischio da correre assolutamente.


Leggi anche:

Il sogno di Yankuba: “In barcone dall’Africa alla Sicilia, poi la laurea: la mia vita è un dono”


Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata