Home

Dopo una notte di lavoro per le squadre dei Vigili del fuoco a causa dei numerosi incendi boschivi nelle province di Palermo e Messina, e in quelle calabresi di Reggio Calabria e Cosenza, dall’alba 8 Canadair sono in volo per spegnere vari roghi. I velivoli sono in azione a Castel di Lucio (Messina), Geraci, Gangi e Scillato (Palermo), dove alcune stalle sono state attaccate dalle fiamme e diverse case sono state evacuate; Bagaladi (Reggio Calabria) e Longobucco (Cosenza).

Tra ieri e oggi stiamo assistendo a una serie di incendi importanti in Sicilia e in particolare abbiamo aperto 13 schede Coau del comando operativo aereo unificato, sei sono proprio in Sicilia in una zona compresa tra Palermo e Messina con alcune evacuazioni preventive”. Lo ha detto il capo dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, in merito agli incendi nel corso di un’audizione in Commissione Ambiente alla Camera.

“Gli incendi dolosi e colposi nel 2020 sono stati 4233 e toccato oltre 62mila ettari, persone denunciate 552, arrestati in 18, con 79 sequestri. Rispetto al 2019 i reati sono aumentati dell’8,1%, la superficie bruciata e’ cresciuta del 18,3%, e salgono anche denunce (+25,2%) e arresti (+80%)”. Lo afferma il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani in Aula alla Camera nell’informativa sugli incendi. In quattro regioni del Sud – Campania, Puglia, Calabria, Sicilia – sono avvenuti il 54,7% degli incendi nel 2020, e’ bruciata l’82% della superficie andata in fiamme.

Leggi anche:

piromani

Incendi in Sicilia, arrestati altri due “piromani”: stavano per incendiare un bosco

Palermo

Palermo, incendia un cumulo di rifiuti in piena macchia mediterranea: arrestato

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata