Home

Marco Morosini, 25 anni, con una laurea magistrale in Scienze della Comunicazione (110 e lode) ed un master in Marketing (110 e lode), fa il collaboratore scolastico. In un’intervista rilasciata Al Corriere della Sera, spiega la sua scelta.

“Almeno pagano tutti i mesi”

“Quando mi sono laureato, a ottobre 2020, ho iniziato a mandare un po’ di curricula in giro – spiega Marco. Ma poi a dicembre sono stato chiamato per una supplenza come bidello e ho preso l’occasione al volo: almeno non era uno stage ma un lavoro vero, pagato tutti i mesi. Mi ero iscritto anche alle graduatorie per fare il segretario, ma non mi hanno mai preso”.

“Orgoglioso di tutte le esperienze lavorative”

E alla domanda “Cosa vuoi fare da grande”, risponde: “Non mi dispiacerebbe restare a scuola, magari per arrivare a fare il dirigente contabile e amministrativo. Oppure lavorare in azienda. Ma intanto sono molto orgoglioso di tutte le esperienze lavorative che ho già fatto. Una settimana prima del diploma sono stato chiamato da una radio locale dove avevo fatto alternanza scuola-lavoro e così invece del viaggio di Maturità ho lavorato tutta l’estate. Da lì sono passato a un’altra radio e a un’altra ancora – sono giornalista pubblicista dal 2019 – e continuo anche adesso. Sempre come free lance. Ma l’esperienza a scuola è quella da cui ho imparato di più”.

Fonte foto Facebook: Marco Morosini

“Allontanarsi dalla linea”, il documentario del palermitano Dario Cangemi sullo spopolamento giovanile in Sicilia

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata