Home

Un bimbo di due anni e mezzo di Palermo ha rischiato di annegare ieri nella piscina di una casa in contrada Vicinale Renda a Monreale, tra Sagana e Pioppo. Il piccolo stava giocando quando per cause in corso di accertamento è stato trovato riverso nell’acqua e non respirava. Per fortuna qualcuno si è accorto di quanto stava avvenendo e ha iniziato a praticare un massaggio cardiaco. Il cuore ha ripreso a battere.

Nel frattempo erano stati chiamati i soccorsi; sul posto sono stati inviati dai sanitari del 118 un elicottero e un ambulanza con il medico rianimatore. La zona era abbastanza impervia e non ha consentito all’elicottero di potere atterrare e così è iniziata la corsa dell’ambulanza verso l’ospedale pediatrico Di Cristina. Il bambino è arrivato in codice rosso.


Leggi anche: Caos in Piazza Indipendenza, auto urta dei tubi e scoppia una fontana d’acqua: traffico in tilt


La prognosi è ancora riservata, in attesa di accertare eventuali danni cerebrali. Genitori, amici e parenti non hanno lasciato il piccolo neppure per un momento. Le indagini sono condotte dai carabinieri. Martedì scorso una bimba di 5 anni era annegata nella piscina di una villa Trabia, sempre nel palermitano, dopo che i suoi capelli erano stati risucchiati dal bocchettone dell’impianto di depurazione dell’acqua.

Leggi anche:

Palermo

Palermo, travolti dalla vernice durante la raccolta: netturbini diventano blu – VIDEO

Università

“Non è vero che la laurea è inutile”, l’88% lavora a 5 anni dal titolo

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata