Home

“Mi licenzio perché non voglio il Green Pass”. E così, dopo 17 anni di insegnamento, Francesca Del Santo, docente no vax di Pordenone, si è licenziata. Del Santo aveva una cattedra di biologia all’Ipsia Della Valentina di Sacile (Pordenone), ma ha preferito perdere il lavoro, piuttosto che adeguarsi all’obbligo del Green pass. La notizia è riportata dal Messaggero Veneto. Aveva minacciato l’azione qualche settimana, ma adesso è certo.

“Il vaccino non può essere imposto” ha dichiarato al quotidiano la docente. Del Santo si è fatta portavoce e bandiera dei colleghi, degli amministrativi e dei bidelli che, come lei, non accettano il Green Pass a scuola voluto dal Governo. Il prossimo sabato saranno tutti in piazza, a Pordenone, per un flash mob di protesta.

La docente no vax ha anche inciso la canzone “Come un virus”, che invoca la libertà di scelta attraverso i canali social e YouTube. “Non navigo nell’oro e non ho rendite – ha detto Del Santo – la priorità è quella di una scelta etica”.


Leggi anche: Green Pass obbligatorio, professoressa di biologia si mette in aspettativa: “Rinuncerò allo stipendio”


Professoressa di biologia no vax si licenzia dopo 17 anni

Qualche settimana fa la docente aveva annunciato questo ritiro, ma pochi riuscivano a crederci. Solo qualche giorno fa aveva dichiarato: “Sono pronta a dimettermi dall’insegnamento”, aggiungendo: “Non sopporto i ricatti inerenti alla salute. Per questo ho chiesto un anno di aspettativa dal servizio”.

Per i no vax lei è il simbolo della lotta. Per i pro vax l’idea della professoressa è pura follia. Infatti da oggi la docente di biologia non avrà più uno stipendio fisso, con malattia e ferie pagate. Tutto questo per sottrarsi all’obbligo di Green Pass vigente nelle scuole e negli atenei.


Leggi anche:

cefalù

Cefalù come Hollywood, al via le riprese di “Indiana Jones”: aperte le selezioni delle comparse


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata