Home

Supplenze – In una situazione di particolare emergenza, come quella che stiamo vivendo, è elevata la carenza di personale scolastico.

Tanti sono infatti i docenti rimasti a casa dopo le vacanze natalizie, ritrovatosi in quarantena. Così i dirigenti provano a scovare nuovi docenti, anche tra gli universitari.

Tramite la compilazione della MAD (Messa a disposizione) laureandi e neolaureati possono inviare la richiesta per iniziare a lavorare tramite supplenze nel mondo della scuola. Ma come fare? Ecco tutte le indicazioni da seguire.


Per rimanere sempre aggiornati sui Concorsi e sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti CLICCA QUI (gruppo Telegram) o CLICCA QUI (gruppo Facebook) 


Supplenze MAD: che cos’è?

La Messa a disposizione (MAD) è una candidatura spontanea e informale che può essere inviata dai cittadini a tutte le scuole italiane per dare la propria disponibilità ad accedere a ruoli di supplenza riguardo il personale scolastico docente e non docente. Ogni incarico ottenuto tramite MAD, andrà ad incrementare il punteggio utilizzabile in eventuali graduatorie, con la possibilità di ottenere un incarico effettivo il prima possibile all’interno della scuola.

Supplenze: Chi può inviare la MAD?

Per inviare la Messa a disposizione, il candidato non necessita di particolari requisiti: indispensabile è il Diploma. Se si è in possesso di una Laurea, questa rappresenta ovviamente un requisito preferenziale, ma non essenziale. Inoltre, è possibile inviare domanda di Messa a disposizione specifica su sostegno anche senza abilitazione.


Leggi anche: Maxi Concorso Ripam 2293 posti a tempo indeterminato, requisito minimo Diploma: info e Bando


Supplenze: Le tipologie di Messa a Disposizione

Esistono due tipologie di Messa a Disposizione:

  • MAD per docenti

Può essere presentata per ottenere una supplenza di insegnamento per una sola provincia a scelta. Non ci sono limitazioni per la scelta degli istituti scolastici.

  • MAD per personale ATA

Questa si compila per ottenere il lavoro come personale ausiliario, tecnico, amministrativo può essere presentata sia da diplomati che da laureati.

Supplenze: Come inviare la MAD

La Messa a disposizione può essere inviata tramite PEC in due modi: o in maniera autonoma e gratuita, oppure affidandosi a piattaforme web che offrono il servizio a pagamento per l’invio.

Per inviare la MAD gratuitamente è necessario:

  • Controllare quali materie è possibile insegnare in base al proprio titolo di studi e in quali istituti scolastici.
  • Occorrerà poi scegliere le scuole presso le quali si è interessati a inviare la MAD. E’ possibile trovare le diverse scuole presenti in Italia, suddivise per regioni e province tramite il portale web Scuola in Chiaro del Ministero dell’Istruzione.
  • Infine, visitare il sito web di ogni scuola per verificare se sia presente un form online per l’invio della MAD o una modalità di invio preferita. Nel caso in cui queste informazioni non fossero presenti si può utilizzare un modello libero.

Per inviare la MAD tramite servizi a pagamento:

  • Esistono diversi siti web e aziende che offrono un servizio a pagamento per compilare e inviare le MAD. Il loro compito è quello di facilitare i candidati nella procedura e di svolgere l’attività di ricerca ed invio alle scuole prescelte.
  • Con un costo che si aggira intorno ai 20 euro per provincia, il servizio si occuperà in autonomia di compilare e inviare le MAD a tutte le scuole richieste, svolgendo da solo il compito di ricerca dei form da compilare e degli indirizzi a cui inviare le domande.

Ti potrebbe interessare anche:

Nuovo Concorso Insegnanti scuola dell’infanzia a tempo indeterminato: bando e come candidarsi

Super Concorso per 5410 nuove assunzioni per diplomati e laureati: tutte le info

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata