Musumeci e Orlando minacciano di chiudere tutto. Lo Stop alla movida potrebbe arrivare dopo le immagini di ieri che hanno visto un numero considerevole di giovani affollare i locali della Vucciria di Palermo, in molti anche senza mascherine.

Le parole del Presidente della Regione Nello Musumeci.

“Da cittadino sono fortemente preoccupato, da governatore temo che si debba necessariamente tornare indietro. Non vorrei assolutamente farlo, ma se queste scene si dovessero ripetere nelle prossime giornate sarò costretto ad adottare provvedimenti”. 

“Come siciliani siamo stati bravi – aggiunge il governatore – ma abbiamo dimenticato la paura, e vedevamo a Bergamo i camion dei militari stracolmi di bare. Siccome in Sicilia non abbiamo avuto i morti a bordo delle strade, oggi siamo convinti che sia finito tutto. E non è possibile. A quei ragazzi disinvolti tra la folla avrei voluto fare vedere quello che ho visto con i miei occhi nei reparti di terapia intensiva: giovani ricoverati, su quei letti. E a me, da padre, veniva da piangere”

Le parole del Sindaco di Palermo Leoluca Orlando

  “Mi auguro di non essere costretto a chiudere alcune zone della città, dipende dal comportamento di tutti e di ciascuno” afferma il sindaco Orlando, in un video, realizzato davanti alla cattedrale, in cui ringrazia i palermitani, le famiglie, gli operatori economici che “hanno evitato che a Palermo si verificassero le tragiche condizioni di altre città di’Italia”.

“Sono costretto a ricordare a tutti di rispettare le disposizioni del governo nazionale e del presidente della regione chiedo di aiutare le forze dell’ordine che, diversamente, sono costrette ad applicare le sanzioni rigorosissime anche la chiusura degli esercizi commerciali, mentre per quanto riguarda l’amministrazione comunale, il sindaco ha un solo potere quello di chiudere intere zone della città e mi auguro di non essere costretto a chiuderne alcune”.

Potrebbe interessarti anche:

Palermo. Centinaia in Vucciria per la movida

Discoteche aperte e università chiuse. Bufera sui social

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata