Home

L’Università la Sapienza di Roma, una delle più antiche in Italia, ha eletto Rettrice la dottoressa Antonella Polimeni. Già la Professoressa Polimeni è attuale preside della Facoltà di Medicina e Odontoiatria dell’ateneo, dipartimento attualmente al centro dell’emergenza sanitaria. La sua nomina è avvenuta venerdì 13 novembre con il voto della comunità accademica, ottenendo il 60,7% dei voti. La dottoressa sarà la prima Rettrice donna, dopo 700 anni, nella storia della Sapienza di Roma. Dal 1303 l’ateneo ha avuto solo rettori uomini.

Le parole della Polimeni

“La mia elezione è una vittoria e un onore per l’unitarietà e la forza del nostro Ateneo ma anche un bel segnale che va a tutte le donne, a tutte le nostre studentesse, alle nostre ricercatrici, alle operatrici sanitarie e ai medici dei nostri ospedali universitari che si stanno impegnando nella lotta contro il coronavirus”.

Ha detto emozionata al Tg1 la nuova Rettrice.

Carriera Polimeni

Oltre ad aver ricoperto numerosi altri incarichi di responsabilità all’interno e al di fuori dell’ateneo in qualità di esperta, la sua produzione scientifica conta quasi 500 pubblicazioni edite su riviste internazionali e nazionali. Produzione scientifica che si è sviluppata anche in network con ricercatori di Atenei ed Enti di ricerca di tutto il mondo (Usa, Grecia, Nuova Zelanda, Danimarca, Turchia, Svizzera, Regno Unito, Israele, Belgio, Spagna, Germania, il CERN di Ginevra, Francia, Cina, Serbia).

“L’elezione di una donna a magnifico rettore dell’Università Sapienza di Roma è un traguardo storico per l’Accademia italiana e un risultato di portata simbolica per il cammino di affermazione professionale al femminile. Ad essere premiato è un percorso costruito giorno dopo giorno con i mattoni della passione e della competenza. Un connubio di amore per la ricerca e l’insegnamento e di assoluto rigore nello studio e nel lavoro”,

ha dichiarato la presidentessa del Senato Elisabetta Casellati.


Leggi anche:

Coronavirus. Musumeci decreta altre due zone rosse

“Negazionisti in buona fede. E’ colpa della demenza”

Unipa. Gli Studenti al Rettore: “Inaccettabile che non sia stato ancora erogato il Contributo Erasmus”

Condividi

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata