Home

Al via alla distribuzione in Italia del primo farmaco contro il Coronavirus autorizzato da Aifa. Il nuovo antivirale Lagevrio, chiamato Molnupiravir, è prodotto dall’azienda farmaceutica Merck & Co., da parte della struttura commissariale alle Regioni. Ecco tutte le linee guida sulla nuova ed approvata terapia domiciliare.

Pillola anti-Covid: come funziona?

Il Molnupiravir è un antivirale orale che produce alterazioni del materiale genetico (Rna) del virus SARS-CoV-2 durante la sua replicazione, in modo da renderlo incapace di moltiplicarsi. Non colpendo la proteina Spike, l’efficacia sarebbe garantita a prescindere dalle varianti.

Pillola anti-Covid: somministrazione

La somministrazione del Molnupiravir avviene “nei pazienti adulti non ospedalizzati per Covid 19 con malattia lieve-moderata di recente insorgenza e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio”. “La prescrizione ed il trattamento – si legge nella determina – devono garantire la somministrazione del prodotto il più precocente possibile rispetto all’insorgenza dei sintomi e comunque non oltre i 5 giorni dall’inizio degli stessi”.

La selezione del paziente è affidata ai medici di medicina generale, i medici delle Usca e in generale ai medici che “abbiano l’opportunità di entrare in contatto con pazienti affetti da Covid di recente insorgenza”.


Leggi anche: Una gomma da masticare per limitare i contagi Covid: l’incredibile scoperta


Pillola anti-Covid: prescrizione e distribuzione

Sempre secondo le indicazioni fornite dall’Agenzia del farmaco, la nuova pillola anti-Covid può essere prescritta limitatamente ai “medici operanti nell’ambito elle strutture identificate dalla regioni per la somministrazione”. La definizione del percorso attraverso il quale vengono identificati i pazienti eleggibili al trattamento è rimessa ai provvedimenti delle Regioni e delle province autonome.

Covid, quanto proteggono le mascherine dalla variante Omicron? I dati

vaccino

Vaccino obbligatorio, Locatelli (Cts): “È arrivato il momento, ecco perché”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata