Home

Polemiche su atteggiamenti di bullismo e razzisti, oltre a mentalità arretrata in alcuni testi di didattica per bambini. Il caso è stato sollevato da una docente di marketing dell’Università Cattolica di Milano. Lei è la professoressa Lala Hu, che ha denunciato in partticolare alcune frasi apparse su un sussidiario edito da Giunti Del Borgo.

Il sussidiario incriminato

Lala Hu ha detto che “Non è la prima volta che i testi di didattica per bambini rappresentano una mentalità retrograda, talvolta sessista e razzista”. Il sussidiario in questione è ‘Leggermente plus’, edito da Giunti Del Borgo e dedicato ai bambini delle ultime classi delle scuole elementari.

Nella pagina contestata, e pubblicata sul social network, si parla di una bambina cinese: nella lista delle cose «che mi piacciono di Lee», elencate dal bambino Duccio nel suo diario, c’è il fatto che “dice ‘glazie, plego’ e anche ‘facciamo plesto'” e che “non si offende mai quando la prendiamo in giro”.

Il brano è estrapolato da un altro testo, “Duccio e il mostro della musica telepatica” di Paola Reggiani, edito da Feltrinelli.


Leggi anche: Bullismo, studentessa torna a scuola dopo l’aborto e in classe trova bigliettini con feti disegnati


Una forma di bullismo?

“A parte gli stereotipi sui bambini cinesi”, afferma la professoressa Hu, ma «che ne sa Giunti Editore del trauma dei bambini quando vengono bullizzati»?.

Secondo la professoressa, la “presa in giro” viene infatti citata come una sorta di pratica normale, nella vita scolastica quotidiana. Questo, a suo parere, la avallerebbe. Il tweet della professoressa Hu è stato ampiamente condiviso. Nei commenti la professoressa ha aggiunto: “Non è la prima volta che i testi di didattica per bambini rappresentano una mentalità retrograda, talvolta sessista e razzista. Una causa può essere l’assenza di diversity nel settore editoria. Con questo tipo di narrazione, continueremo a vivere di pregiudizi e discriminazione“.

La replica dell’editore

L’editore replica: ” E’ Inaccettabile che si pensi che avalliamo il bullismo”.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, Stefano Cassanelli, l’editore che ha pubblicato il libro, ha ammesso che “nel testo ci possano essere stereotipi sulla cultura orientale”, ma che il brano è stato inserito nel volume “in quanto è il diario di un bambino. “Il nostro intento era proporre delle attività sul diario, appunto. Estrapoliamo brani di letteratura che possano aiutarci a far comprendere i concetti relativamente ai generi letterari presentati. Ora che qualcuno, decontestualizzando completamente una frase dal resto del brano possa accusarci di fare apologia del bullismo, o di non avere empatia per i bambini bullizzati, come fa la professoressa, per me è inaccettabile e offensivo”.

Legge Zan: tutto quello che c’è da sapere

Travel Pass, il passaporto sanitario digitale: ecco i pionieri

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata