Home

Younipa da sempre è vicina al mondo del lavoro. Ogni giorno vi proponiamo opportunità e mestieri per aiutare tanti di quei giovani, ma anche meno giovani, disoccupati. Da settimane in Viale Regione, la strada che collega Palermo all’autostrada, è possibile vedere un annuncio di lavoro alquanto misterioso. Le dimensioni del cartellone sono molto grandi, a predominare sono il bianco e il verde. Nell’annuncio compare una scritta a caratteri cubitali. “Vuoi trovare l’armonia tra lavoro e famiglia? Vuoi avere la libertà di organizzare il tuo tempo? Lavora con noi!”. E sotto in basso c’è scritto “Lavora dove e quando vuoi in un settore a crescita costante!”. Già dal testo non si capisce se vogliono proporre un corso di yoga, una seduta con uno sciamano che si fa di incenso o un lavoro. Nel manifesto è possibile vedere anche un numero di telefono, non fisso, a cui contattare per maggiori informazioni. Il problema è che di informazioni l’annuncio ne dà zero. Non c’è scritto luogo di lavoro, settore, orari. Solo un numero di cellulare, in pratica gli annunci di ripetizioni universitarie attaccati a pali della luce sono più gremiti di dati. Qua nulla. Le considerazioni sulla proposta lavorativa sono molto personali. L’armonia si può trovare con qualsiasi lavoro, sia facendo l’astronoma che studia Betelgeuse, sia chi fa il portinaio in Corso Calatafimi.

La chiamata

Incuriosito, decido di chiamare al numero in sovrimpressione. A rispondermi è un ragazzo, che dalla voce poteva avere 30 anni. Mi risponde e io gli chiedo della proposta di lavoro, dato che il cartellone di Viale Regione non dice nulla. Lui va molto sul vago, questo è il minimo comune denominatore di tutte queste pseudo-aziende. Non mi spiega di cosa tratta il lavoro perché me ne parlerà il direttore, ma mi parla di marketing, management. bussiness, nomi altisonanti che in realtà dicono tutto e dicono niente. Dopo 10 minuti mi chiama il direttore e mi racconta dell’azienda. Si tratta di Neolife International bussiness. “Le posizioni disponibili sono tante e variegate”, ma mi farà sapere tutto la mattina seguente.

Il giorno dopo

Alle 9 del giorno successivo mi chiama il direttore e mi racconta di tutto questo settore. Io la sera precedente ho fatto delle ricerche su Neolife e in pratica è simile ad Herbalife. Non fanno nulla di male, vendono solo prodotto per il benessere, come integratori, dimagranti e proteine. Di certo non si possono paragonare ai porta a porta che raggirano i vecchietti con i contratti della luce. Vedendo le foto su Facebook mi sembrano persone serie. Allora in chiamata con il direttore chiedo se loro fanno il porta a porta e lui mi risponde di no. “la nostra azienda è in forte espansione, siamo degli esperti del settore”. Appunto allora io dico di non essere interessato al mondo del benessere e lui mi risponde: “Neolife è un’opportunità per il futuro, dalla voce sento che sei giovanissimo, da noi molti stanno intraprendendo una buona carriera. Devi cogliere questa occasione.” e continua “ vieni e ne chiacchieriamo in presenza”. Io declino l’invito e lo saluto, il direttore non la prende benissimo. Il problema non sta nel lavoro che può essere nobilissimo, ma perché nel cartellone pubblicitario non compare il nome dell’azienda? Se io devo lavorare in un’azienda, devo sapere il nome, di cosa si occupa, in cosa è specializzata. Il problema non è il lavoro, ma l’annuncio, che è alquanto generico, fin troppo.


Leggi anche:

Università: arrivano i primi 2 milioni del fondo StudioSì per gli studenti del Sud

Sicilia. Musumeci firma nuova ordinanza. Ecco cosa cambia

“Stato ma dove minchia sei?”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata