Una battaglia di civiltà in contrasto agli interessi della criminalità organizzata e a tutela della salute dei consumatori“. Con queste parole, di pannelliana memoria, Gaetano D’Amico, presidente del comitato “Esistono i diritti”, ha ribadito l’urgenza di una legge che legalizzi la marijuana. Materia recentemente discussa anche con il sindaco Leoluca Orlando, che si è impegnato a sollecitare il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico ad attivare l’iter di discussione del disegno di legge presentato in Parlamento. 

Il comitato “Esistono i diritti”, con il sostegno trasversale di rappresentanti istituzionali e politici, sta provando ad imprimere un’accelerazione all’iter del ddl “dopo la sentenza della Corte di Cassazione che ha stabilito che la coltivazione per uso personale di modeste quantità non è reato”. 

“L’incontro con il sindaco è stato positivo” ha scritto in una nota il comitato sulla scorta della manifestazione nazionale dal titolo “Io coltivo. Meglio legale”, organizzata lo scorso mese davanti a Palazzo delle Aquile. All’evento hanno partecipato cittadini, consiglieri comunali, componenti della Giunta Orlando e attivisti radicali. Adesso l’incontro con il primo cittadino da parte di una delegazione composta da Gaetano D’Amico, Pino Apprendi, Alberto Mangano, Antonino Martorana e Marco Feo. Orlando ha ricordato che nel 2016 ha anche inviato una lettera ai presidenti di Camera e Senato, per informarli della presa di posizione favorevole dell’allora Consiglio comunale di Palermo.“

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata