Home

18 regali – Un film che è diventato un caso. Una storia vera piena di sofferenza, che non fa trattenere la commozione. Un legame madre-figlia oltre la morte su Netflix.

Vuoi vedere un film tratto da una storia vera che ha tenuto vivo l’interesse della stampa nazionale per la straziante dolcezza di un gesto che vuole superare anche la morte? Su Netflix trovi un titolo di cui si è parlato tantissimo alla sua uscita a inizio 2020 e che resta sempre una buona idea per chi ama le storie drammatiche avvolte dal sentimento e che facciano riflettere.

Può un rapporto simbiotico come quello tra una madre e una figlia sfidare la morte? Può una lontananza fisica inevitabile essere superata da una scelta coraggiosa e difficile che porta con sé tutta la voglia di rimanere presenti anche nell’assenza?

Tutto questo è in “18 regali” su Netflix, la produzione cinematografica firmata da Francesco Amato, che ha trovato la chiave e i volti giusti per narrare la storia realmente accaduta di una madre, Elisa Girotto, che malata terminale di cancro amorevolmente ha voluto lasciare 18 regali alla bimba che avrebbe dato alla luce di lì a poco.

Uno per ogni anno fino alla maggiore età: doni che le raccontassero di lei, di loro, di ciò che avrebbe potuto e dovuto essere ma che un destino maligno non ha mai dato la possibilità di avverare se non dopo la sua morte. Una storia davvero straziante che ha commosso l’opinione pubblica, tanto da divenire un film, accolto benissimo da critica e pubblico grazie anche alle interpretazioni degli attori che con la giusta delicatezza ne hanno raccontato gli eventi presenti e ipotizzato i futuri.

La sfortunata donna è interpretata dalla talentuosa Vittoria Puccini, mentre la figlia adolescente da una intensa Benedetta Porcaroli, che dà un’immagine ovviamente inventata della bimba nel futuro.

Bravissimo Edoardo Leo nei panni di un coraggioso padre rimasto solo, Alessio Vicenzotto, il quale ha collaborato anche alla sceneggiatura.

Questa è una pellicola che dà i brividi, che narra di un amore indissolubile che non si arrende alle tragiche vicende della vita terrena, che vuole andare oltre, in quel mondo di anime che si incontrano anche se i loro corpi si sono appena conosciuti.

Una storia piena di coraggio e di amore, che per questo rappresenta un motivo di riflessione sui rapporti umani e sulla profondità dei sentimenti, disponibile tra i film drammatici di Netflix.

18 regali

Guarda il trailer e leggi la trama

La giovane Elisa, che ha appena dato alla luce la sua bimba, muore di tumore al seno, lasciando suo marito Alessio solo nella disperazione più totale con la neonata Anna che non potrà mai conoscere sua madre. Ma prima della sua prematura scomparsa, la donna aveva organizzato 18 regali che potessero tenerla comunque vicino alla bimba nei suoi compleanni fino alla maggiore età.

Anna cresce accudita con amore e apre sempre anche questo regalo speciale a ogni compimento di anno, ma il disagio si fa crescente con l’arrivare all’età dell’adolescenza. Un regalo non sembra poter colmare il vuoto lasciato dalla madre, un’assenza che la spinge a ribellarsi, arrivando a disertare il suo diciottesimo compleanno e fuggire di casa.

Purtroppo viene però investita da un’automobile, ma scoprirà che a condurre il mezzo è sua madre incinta di lei. Si crea così un rapporto fantastico e immaginario tra le due, fatto di complicità e di un sentimento profondo che riesce ad andare oltre le dinamiche di vita reale.

Qualcosa che solo successivamente verrà svelato e che servirà alla giovane ragazze a capire qualcosa in più su se stessa, sulla madre e sul rapporto d’amore dei suoi genitori.

Leggi anche:

Netflix, cosa vedere gennaio 2023

Accadde oggi: nel 2001 nasce Wikipedia

Condividi

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata