Home

Università di Palermo – “Il prossimo anno accademico l’Università di Palermo darà in dotazione 3mila tablet con scheda sim da 20 giga al mese agli iscritti al primo anno dei corsi di studio triennali e magistrali a ciclo unico collocati nella fascia Isee 0 ad annunciarlo è il Rettore, prof. Fabrizio Micari.

Questo intervento, per cui è previsto un investimento di oltre 600mila euro da fondi ministeriali per l’acquisto dei tablet ecc – spiega il Rettore Unipa – si aggiunge ad altre azioni concrete realizzate dal nostro Ateneo per sostenere gli studenti e le loro famiglie, come il regolamento tasse che inserisce in no tax area, estesa da 13mila a 25mila euro, due iscritti su tre e che introduce significative riduzioni sulla tassazione per i redditi da 25mila a 30mila euro.

Prevediamo inoltre di mettere in atto ulteriori interventi di sostegno allo studio e per la fruizione della didattica digitale.

Per il 2020/2021 presentiamo numerose ed importanti novità – prosegue – anche su altri due assi fondamentali: il piano dell’offerta formativa e l’aumento dei servizi.

Puntiamo infatti su nuovi e innovativi corsi di laurea e di dottorato, anche internazionali. Tra i servizi offerti attivati più recentemente vi è la possibilità per la comunità studentesca di scaricare gratuitamente il pacchetto completo Microsoft Office 365 e il car e bike sharing in convenzione con AMAT.  

Negli ultimi anni il dato degli iscritti ha registrato un costante aumento – conclude – l’incremento degli iscritti, oltre 3300, ai test di ingresso che si sono svolti nel mese di luglio ci fa ben sperare nella conferma della crescita dell’attrattività del nostro Ateneo.”

UniPa. Microsoft Office 365 GRATIS per tutta la comunità studentesca. Ecco come ottenerlo


Ti potrebbe interessare anche:

Unipa. Nuovo servizio di live chat per assistenza e supporto online

Università. OFA: Cosa sono, Come vengono attribuiti e Come si assolvono

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata