Dalla circolare dell’Inps che chiarisce i requisiti della misura si legge che L’importo del reddito di emergenza, previsto dal decreto Rilancio per le famiglie che non hanno usufruito di altre indennità Covid e che non hanno componenti con un reddito da lavoro o da pensione, potrà arrivare fino a 840 euro al mese per due mesi nel caso in cui il nucleo sia composto da due adulti, due minorenni e un componenti sia in una situazione di disabilità.

Altrimenti il limite massimo con una famiglia di almeno quattro persone sarà di 800 euro.

Si potrà chiedere se il reddito familiare ad aprile non supererà il limite previsto per il sussidio, quindi 800 euro per una famiglia di quattro persone senza disabili. Il beneficio economico è di 400 euro se la famiglia ha un unico componente.

REDDITO DI EMERGENZA: A CHI SPETTA. I REQUISITI

 La domanda di Rem istituito – ricorda l’Inps – come misura straordinaria di sostegno al reddito per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da Coronavirus, in possesso di determinati requisiti di residenza, economici, patrimoniali e reddituali.

Il richiedente deve essere residente in Italia al momento della domanda. Si considerano idonee, ai fini della verifica dei requisiti, le attestazioni Isee con indicatori ordinario e corrente. Non è valida per la richiesta l’attestazione Isee riferita al nucleo ristretto.

Il Rem si configura come misura residuale rispetto alle altre misure Covid e viene erogato esclusivamente se nessuno dei membri del nucleo richiedente abbia già usufruito delle altre indennità emergenziali e se non ci siano nel nucleo persone che hanno la pensione o un reddito da lavoro dipendente superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo.

Il valore del reddito familiare nel mese di aprile 2020 deve essere inferiore alla soglia corrispondente all’ammontare del beneficio. Per determinarlo si moltiplica 400 euro (valore minimo del Rem per famiglia con un solo componente) per il valore della scala di equivalenza pari a 1 per il primo componente del nucleo familiare ed incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni e di 0,2, per ogni ulteriore componente. Questa scala può raggiungere la soglia massima di 2, ovvero di 2,1 nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti componenti in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza come definite ai fini Isee.

SCADENZA

La domanda per il Reddito di emergenza va presentata entro il 30 giugno. Se è stata fatta entro il 31 maggio i mesi pagati saranno quelli di maggio e giugno, se invece è fatta nel mese di giugno saranno pagati i mesi di giugno e luglio.

REDDITO DI EMERGENZA:COME PRESENTARE DOMANDA

Il Rem può essere richiesto all’Inps, esclusivamente on line presentando domanda sul sito (con il Pin, lo Spid, la Cns e o la carta di identità elettronica) La domanda è presentata da uno dei componenti del nucleo familiare. I dati relativi ai requisiti e alle incompatibilità, autodichiarati in domanda, saranno oggetto di verifica, anche a campione.

Leggi anche:

Decreto rilancio. Tutti gli aiuti per le famiglie

Lavori in casa gratis con l’Ecobonus 110% Tutto quello che c’è da sapere. Guida

Reddito di Emergenza. Attivata la procedura. Come richiederlo

Coronavirus. Reddito di Emergenza 2020: Come funziona, Cos’è, Come e chi può fare domanda

.

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata