Home

L’ombra del terrorismo islamico torna ad allungarsi sull’Italia. L’editoriale dell’ultimo numero del settimanale dell’Isis, Al Naba, ha messo in luce le preoccupazioni dell’Italia per la presenza dell’Isis in Africa e l’incontro della coalizione anti-Daesh presieduta dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e dal segretario di Stato Usa, Antony Blinken, “nella Roma dei crociati”.

“Il dossier più pesante e importante sul tavolo dell’alleanza dei crociati a Roma è il tema dell’Africa e della regione del Sahel”, si legge nel pezzo pubblicato giovedì. “Il ministro degli Esteri italiano ha ammesso che ‘non è sufficiente’ combattere l’Isis in Iraq e Siria, ma bisogna guardare ‘ad altre regioni’ in cui è presente, ha definito ‘preoccupante’ l’espansione dello stato islamico in Africa e nel Sahel, affermando che proteggere la regione significa proteggere l’Europa”.


Leggi anche: Avvistamenti Ufo in Sicilia? No, sono i satelliti di Elon Musk


“Non c’è dubbio che i timori di Roma siano fondati”, continua il pezzo, “i mujaheddin hanno minacciato Roma dai deserti dell’Iraq… e i mujaheddin dello stato islamico aspettano ancora la realizzazione della promessa fatto loro da Dio l’Onnipotente: questa è Dabiq, questa è Ghouta, questa e’ Gerusalemme e quella e’ Roma, noi vi entreremo sicuramente, arriveranno epiche battaglie stanno arrivando”.

Leggi anche:

Palermo

Palermo, travolti dalla vernice durante la raccolta: netturbini diventano blu – VIDEO

Gkn

Gkn, “strage” di lavoratori: 422 dipendenti licenziati tramite mail, scoppia la protesta

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata